Calcio, diretta online Champions League Ajax-Napoli,

3^ giornata fase a gironi 4 ottobre h 21

Ajax-Napoli 1-6 cronaca azioni 4 ottobre 2022

L’esterno dello stadio di Amsterdam, intitolato a uno dei più grandi calciatori di ogni epoca: l’olandese Johan Cruijff, vincitore di 3 coppe Campioni con l’Ajax (1971, 1972, 1973) e, in ambito individuale, di 3 palloni d’oro (1971, 1973 e 1974). Un riconoscimento, quest’ultimo, eguagliato da Michel Platinì e Marco Van Basten e superato solo da Leo Messi (7) e da Cristiano Ronaldo (5). Foto: archivio calcio Tino Picone.

/Aggiornamenti in tempo reale sul match nella parte centrale di questa pagina/

Per il Napoli di Spalletti un’altra prima volta in un tempio del pallone, la Johan Cruijff Arena, nella competizione per club più prestigiosa d’Europa: la Uefa Champions League, ex Coppa Campioni.
Dopo il trionfale 3-0 in quel di Ibrox Park-Glasgow contro i Rangers, arriva l’esame di calcio totale nella casa degli inventori di questo sistema di gioco: i Lancieri. In un match valido per il 3° turno del gruppo A,  contro l’Ajax – Amsterdam, padrona di casa e vincitrice, nella sua storia, di 4 trofei ‘con le orecchie’ datati 1971-1972-1973-1995, nonché finalista sconfitta nel 1969 (contro Milan) e nel 1996 (contro la Juve), ci sarà da lottare su ogni contrasto e da giocare con qualità su ogni palla, perché, per inciso, 3 settimane fa questi ‘nipotini’ del celeberrimo JC14 per 90 minuti hanno fatto sudare le cosiddette 7 camicie al Liverpool, vice-campione continentale in carica, in un’altra cattedrale del football, l’ Anfield Stadium. Kudus è, senza dubbio, l’attaccante più temibile: qualità tecnica, rapidità e senso della posizione le sue armi principali. Stasera servirà per lui un ‘trattamento speciale’. Forse, però, la difesa a zona è un po’ il tallone d’Achille di una compagine che tende, per tradizione, a difendere con una linea alta e a creare grande densità tra centrocampo e attacco. Per ‘scuola’, tutti i suoi giocatori sono capaci di inserirsi in avanti senza palla e, proprio per questo, bisogna far attenzione alle cosiddette ‘imbucate’ e ai passaggi filtranti. Per l’occasione, la squadra di casa si presenta a questo incontro con gli stessi 11 titolari delle due precedenti gare di Champions.
E, dunque, se è vero, come è vero, che gli azzurri si presentano alla ‘Cruijff Arena’ con 6 punti e 2 vittorie su altrettanti match giocati nel gruppo A e che i biancorossi sono a quota 3 dopo aver travolto i Rangers e aver perso di misura contro i Reds, lo è altrettanto il fatto che sul fronte partenopeo servono, compattezza, massima concentrazione e qualità per uscire con un risultato positivo dal tempio dei Lancieri. Solo in tal modo il club di De Laurentiis potrà tornare a casa guardando con ottimismo a una ipotetica qualificazione agli ottavi di finale, a patto che poi, nelle successive tre gare  del girone, mantenga un rendimento adeguato al valore della competizione.

Le dichiarazioni della vigilia

Così Alfred Schreuder, allenatore dell’Ajax, al sito web ufficiale https://it.uefa.com/uefachampionsleague/ : “Le motivazioni saranno facili da trovare. E’ una delle squadre più forti della Serie A. Dobbiamo giocare di squadra. Loro sono imbattuti quest’anno e davvero forti. Sia noi che il Napoli giochiamo molto con la palla al piede. E’ molto importante riuscire a fare qualcosa di buono quando siamo in possesso palla. Kvaratskhelia è molto forte, sta facendo benissimo a sinistra, dobbiamo fermarlo come squadra, difendere come squadra. Lui è forte con la palla, combina con Zielinski, vuole l’uno contro uno e difenderemo di squadra. La parte sinistra è molto importante nel gioco del Napoli”.

Così mr Luciano Spalletti al sito web ufficiale www.sscnapoli.it : “Per diventare grandi bisogna giocare contro avversari grandi. Se riusciremo a dimostrare di essere all’altezza, sarà una bella risposta. L’Ajax gioca in maniera simile alla nostra. A loro piace avere il possesso palla, ma hanno anche soluzioni di verticalizzazione per l’attacco di peso. Dobbiamo spingere al massimo le nostre potenzialità, ma mai al limite dell’incoscienza. Ci vuole forza ma anche testa. Bisogna guardarsi dentro per capire come esprimere il nostro meglio guadagnandolo sul campo. Se saremo straordinari, potremmo anche mettere una mano sulla qualificazione, ma sappiamo che la strada è lunga e davanti a noi ci sarà una squadra che ha un valore riconosciuto dalla storia“.

Ajax-Napoli LIVE tempo reale

NOTA LIVE SCORES: per visualizzare i nostri aggiornamenti testuali in tempo reale, premere il tasto unico F5 del PC o attivare qualsiasi altra funzione di aggiornamento pagina. Informiamo gli utenti che tra una trasmissione di dati e quella successiva potrebbero trascorrere anche 3 minuti.

Il tabellino

Risultato finale Ajax-Napoli 1-6
Marcatori: 10′ pt Kudus (A), 18′ pt e 2′ st Raspadori (N), 33′ pt Di Lorenzo (N), 45′ pt Zielinski (N), 18′ st Kvaratskhelia (N), 36′ st Simeone (N)

Formazioni ufficiali

Ajax (4-3-3): Remko Pasweer; Devyne Rensch, Jurrien Timber, Calvin Bassey, Daley Blind; Steven Berghuis, Edson Alvarez, Kenneth Taylor; Dusan Tadic, Mohammed Kudus, Steven Bergwijn.
In panchina: Maarten Stekelenburg, Jay Gorter, Davy Klaasen, Owen Wijndal, Brian Brobbey, Lucas Ocampos, Lorenzo Lucca, Florian Grillitsch, Youri Baas, Youri Regeer, Lisandro Magallàn, Francisco Conceicao.
Allenatore: Alfred Schreuder
Assenti: Ahmetcan Kaplan e Jorge Sanchez.

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim, Olivera; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Lozano, Raspadori, Kvaratskhelia.
In panchina: Idasiak, Sirigu, Juan Jesus, Mario Rui, Elmas, Simeone, Politano, Zerbin, Ostigard, Zanoli, Ndombele, Gaetano.
In panchina: Luciano Spalletti.
Assenti: Osimhen e Demme.

Arbitro: Francois Letexier (Francia)
VAR: Tomasz Kwiatkowski (Polonia)
Ammoniti: 21′ pt Raspadori (N), 30′ pt Timber (A)
Espulsi: 28′ st Tadic (A) per doppia ammonizione.
Recuperi: 1′ pt, 1′ st

Le azioni del match minuto per minuto

Primo tempo

Ore 21.01, inizia Ajax-Napoli.

Nel 1° tempo il Napoli attacca da sinistra verso destra rispetto alla visuale della tribuna stampa.

2′- Grande densità a centrocampo in questo avvio. Difficile trovare spazi per le giocate offensive.

3′ – Il Napoli vince un contrasto a centrocampo e Lobotka va in verticale centralmente, servendo al limite dell’area Raspadori. Tiro del giocatore ex Sassuolo e palla a lato di pochissimo.

5′ – Alvarez, regista tuttocampista, tira alto dai 20 mt su assist da sinistra de dinamico Bergwijn.

10′ – GOOOL. Ajax in vantaggio. Bergwijn s’inserisce bene sulla zona di sinistra dell’area di rigore azzurra e serve al centro l’accorrente Taylor, il cui tiro a botta sicura rimbalza sul corpo di Kudus e carambola in rete.

16′  – Pressing alto di Anguissa su Timber, pallone riconquistato dagli azzurri e assist per Kvaratskhelia, il cui tiro dalla zona sinistra sfiora il palo alla sinistra della porta difesa da Pasweer.

18′ – GOOOL. Pareggio del Napoli. Sul pressing alto dell’Ajax, Olivera, dalla fascia sinistra, serve alla sua destra Lobotka, il quale tocca in orizzontale alla sua sinistra per Kvaratskhelia. Lancio di prima del georgiano a seguire per il fluidificante uruguaiano, che si proietta in avanti palla al piede. Saltata la difesa, Matias affonda sulla trequarti avversaria e va al cross in area. Lozano, marcato al centro da Bassey, stacca ma va a vuoto. Raspadori, però, è ben posizionato alla sua destra. E così prende il tempo a Blind e insacca di testa.  Azione da manuale del pallone.

21′ – Ammonito Raspadori (N)

23′ – Percussione di Lozano, il quale supera in dribbling 2 avversari sulla trequarti offensiva, ma poi viene stoppato da Bassey al momento del tiro in area di rigore.

24′ – Lozano, dalla destra, crossa per Kvaratskhelia, il cui 1° tiro viene ribattuto in qualche modo dal suo marcatore, ma poi il georgiano riesce a toccare nuovamente la sfera e a concludere a rete, impegnando severamente Pasweer.

30′ – Ammonito Timber (A)

32′ – Il Napoli insiste in attacco e conquista 2 corner consecutivi.

33′ – GOOOL. Napoli in vantaggio. Sugli sviluppi del 2° calcio d’angolo consecutivo da destra, Kvaratskhelia va al cross e Di Lorenzo, nonostante sia marcato da Timber, stacca più in alto del suo avversario diretto, impatta di testa e infila la sfera alla destra di Pasweer. 

36′ – Capitan Tadic ferma con un pestone Olivera. Gioco fermo. Personale sanitario in campo per soccorre l’uruguaiano.

38′ – Riprende la gara e Olivera torna a collocarsi sulla sua zona di campo.

38′ – Ammonito Tadic (A)

40′  – Occasione da gol per il Napoli. Sul pressing alto degli azzurri, Di Lorenzo intercetta un lancio in avanti dei padroni di casa e serve sulla destra Lozano. Cross del messicano in area per Zielinski, il quale va al tiro di prima: grandissima respinta di Pasweer e conclusione finale di Anguissa dai 15 mt: pallone di poco alto. 

45′ – Buona chiusura su Tadic, triplicato in marcatura in area di rigore azzurra.

45′ – Un minuto di recupero.

45′ – GOOOL. Terza rete del Napoli. Lobotka, dalla propria trequarti, serve in avanti Anguissa, il quale triangola a centrocampo con Raspadori  e lancia ai 40 mt lo smarcatissimo Zielinski. Il polacco avanza palla al piede centralmente, entra in area e fa secco Pasweer, in uscita disperata.

46′ – Finisce il 1° tempo. Napoli in vantaggio per 3-1 sui Lancieri. Azzurri in autentica esaltazione agonistica sul campo del leggendario Cruijff, nonostante il grande agonismo, talvolta al limite del regolamento, da parte di un avversario molto reattivo tra centrocampo e attacco, ma poco abile a leggere gli inserimenti dei partenopei nella sua linea difensiva.

Secondo tempo

Al rientro dagli spogliatoi, il Napoli sostituisce Zielinski con Ndombele.

2′ – GOOOL. Quarta rete del Napoli. Sul pressing alto degli azzurri, Pasweer tenta un passaggio in avanti a Bassey, ma Anguissa piomba sul difensore centrale, vince il contrasto, avanza palla al piede in area di rigore e serve alla sua destra Raspadori, il quale dai 13 mt infila un tiro nell’angolino alla sinistra dell’estremo difensore Orange.

5′ – L’Ajax cerca di pressare alto. I Lancieri non si arrendono.

9′ – Kudus, dalla destra, crossa in area, ma Kim mette la palla in corner.

9′ – Sugli sviluppi del calcio d’angolo da sinistra, la difesa azzurra chiude bene.

11′ – Tadic va sul pallone, ma, nel contempo, pesta malamente Kvaratskhelia. Il georgiano resta a terra. La partita prosegue e Berghuis tenta un tiro dalla sinistra: sfera di poco sul fondo.

11′ – Gioco fermo. Gli azzurri riescono a richiamare l’attenzione dell’arbitro.

13′ – Kvara viene assistito e si rialza.

15′ – L’Ajax insiste in attacco e conquista due corner consecutivi, ma gli azzurri si chiudono bene.

18′ – GOOOL. Quinta rete del Napoli. Azione palla a terra degli azzurri, impostata da Ndombelé, e poi sfera a Kvaratskhelia, il quale triangola con Raspadori sul vertice sinistro dell’area di rigore e si presenta tutto solo contro Pasweer, infilandolo con un tocco preciso in diagonale. La triangolazione tra la punta ex Sassuolo e il georgiano manda in tilt 3 giocatori in linea: il 1° difensore di destra dei Lancieri Rensch, Alvarez, arretrato in difesa e piazzato più in posizione centrale e poi Timber, leggermente più a sinistra. Velocità e precisione clamorose da parte dei partenopei. 

19′ – Doppio cambio nel Napoli. Esce Kvaratskhelia ed entra Elmas. Raspadori fa spazio a Simeone.

23′ – Anguissa si vede ribattere da Bassey un tiro dall’interno dell’area di rigore: sfera in angolo.

23′ – Sugli sviluppi del calcio d’angolo da destra, Rrahmani tira di prima, ma Pasweer respinge, evitando la sesta rete degli azzurri.

24′ – Assist di Ndombele per Simeone e tiro debole dell’argentino: parata di Pasweer.

26′ – Tiro da fuori area di Berghuis e palla alta.

27′ – Doppio cambio nell’Ajax. Esce Taylor ed entra Klaassen. Berghuis fa posto a Brobbey.

28′ – Espulso Tadic dopo l’ennesimo fallaccio su Lozano. Secondo cartellino giallo in partita e inevitabile uscita dal campo.

30′ – Punizione a giro di Elmas e palla a lato.

32′ – Lozano serve Di Lorenzo, ma il tiro dell’azzurro è fiacco e Pasweer blocca la palla.

35′ – Cambio nel Napoli. Esce Lobotka ed entra Gaetano.

35′ – Cambio nell’Ajax. Esce Timber ed entra Grillitsch.

36′ – GOOOL. Sesta rete del Napoli. Verticalizzazione sontuosa di Ndombele per Simeone, il quale prende il tempo ai difensori centrali dell’Ajax e piazza il tocco vincente dai 14 mt.

39′ – Cambio nell’Ajax. Esce Rensch ed entra Baas.

39′ – Cambio nel Napoli. Esce Di Lorenzo ed entra Zanoli.

41′ – Elmas va al tiro dalla media distanza: palo esterno.

44′ – Zanoli va via sulla destra e crossa in area per Ndombele: tiro del giocatore ex Tottenham e palla respinta dalla traversa. 

45′ – Un minuto di recupero.

46′ – Ammonito Kudus (A)

46′ – Finisce 6-1 per il Napoli alla Johan Cruijff Arena. Lezione di calcio totale degli azzurri in casa dei maestri olandesi, nonostante un arbitraggio che consente ai Lancieri di giocare duro.

Commento

Bello …e (im)possibile /

La vittoria per la storia. Il calcio totale disegnato sul prato verde di coloro che lo hanno teorizzato e praticato, facendo man bassa di trofei nazionali e internazionali soprattutto all’inizio degli anni Settanta, trascinati dal loro fuoriclasse, il defunto Johan Cruijff. Mai così in Europa il Napoli, in 60 anni di competizioni continentali, contando non solo la Champions/Coppa Campioni, ma anche la ex Coppa delle Coppe e la Coppa Uefa/Europa League. Il risultato, largo, potrebbe ingannare rispetto al valore oggettivo degli avversari. Ajax reattivissimo nella prima mezz’ora, anche se un po’ lacunoso nella linea difensiva. Mr Schreuder, in verità, la studia bene, ma i suoi, alla lunga, perdono sul piano della qualità e della fisicità. Sa, il mister dei Lancieri, che Lobotka è il 1° riferimento nell’impostazione della manovra e gli piazza Berghuis praticamente a uomo. Sulla sinistra, contro la catena “Olivera-Kvaratskhelia”, mette Rensch (che non spinge mai) sul georgiano, ordina a Tadic di picchiare duro su chi gli capita a tiro (spesso l’uruguaiano) piuttosto che di costruire gioco e chiede ad Alvarez di fare il tuttocampista: dare una mano a Rensch, seguire Zielinski e, non appena possibile, fiondarsi in attacco. La spinta offensiva la affida a Bergwijn, molto tecnico, in verità, e agli inserimenti di Alvarez e Taylor, con Kudus spauracchio per Rrahmani e Kim. L’esperto Blind, a sua volta, deve tentare di fermare con ogni mezzo sulla sinistra lo scatenato speedy Lozano e può spingersi poco in avanti. Tutto il gioco dell’Ajax nella prima mezz’ora è impregnato di intensità e capacità di fiondarsi sulle cosiddette seconde palle. Sbagliare un passaggio, per i partenopei, diventa letale. Pronti via e al primo errore a centrocampo dei Lancieri, Lobotka penetra e scarica su Raspadori: fendente di poco a lato. Gol fallito, gol subito. Due percussione di Bergwijn sulla sinistra, nelle quali latitano Di Lorenzo, Anguissa e Lozano, consentono prima un tiro ad Alvarez dai 20 mt e poi il gol di Kudus, sia pur di carambola su una conclusione a botta sicura di Taylor. Il Napoli, però, non si scompone. Riprende a lavorare di pressing e al 16′ una palla intercettata da Anguissa e fatta sfilare sulla sinistra a Kvara, consente al georgiano di sfiorare il palo alla sinistra di un immobile Pasweer. Nel contempo, a centrocampo si fa fatica in fase di possesso contro la densità dei Lancieri, ma al 18′ la classe dei ragazzi e gli schemi di Spalletti fanno la differenza. Olivera, magnifico sostituto di Mario Rui, riesce a dare palla a Lobo, il quale a centrocampo serve alla sua sinistra Kvara. Palla del georgiano di prima in profondità e Olivera brucia tutti, penetra in area e crossa. Lozano, marcato, non arriva, ma Raspadori intuisce tempo e punto di impatto e, in un colpo solo, fulmina Blind, il suo marcatore, e Pasweer. La rete dei partenopei ristabilisce la situazione di momentanea parità, ma più passano i minuti e più c’è margine per scrivere la storia. Nonostante i duri interventi degli olandesi, molto tollerati da Letexier a differenza di un giallo rifilato a Raspadori al 1° fallo tattico commesso, la mediana tiene botta, come si suol dire, e Lozano comincia a imperversare sulla destra. Blind, che non viene aiutato da Bergwijn, va in affanno e al 24′, sul cross del Chucky per Kvara, la conclusione del georgiano costringe il portiere dell’Ajax a una respinta impegnativa. L’inerzia della partita resta comunque nelle mani degli ospiti. Il pressing alto dà i suoi frutti e, sul 2° di due corner consecutivi battuti da destra, capitan Di Lorenzo al 33′ segna un gol pesantissimo. Cross di Kvara e imperioso stacco di testa del terzino ex Empoli: ammutoliti Timber, il suo marcatore, Pasweer, che non sa cosa lo aspetta, e il pubblico. Lo show della ‘banda Spalletti’ è appena cominciato. Al 40′, su un rilancio senza pretese dalle retrovie da parte degli olandesi, asfissiati dalla pressione dei partenopei, Di Lorenzo intercetta sulla trequarti e lancia Lozano. Cross del Chucky e Zielinski conclude forte, trovando pronto alla ribattuta l’estremo difensore Orange. Sotto di un gol, gli olandesi ci provano, ma vanno a sbattere sulla linea Maginot partenopea, nel frattempo diventata più compatta. E il 3° gol al 45′ , firmato Zielo, nasce da un altro contropiede corale. Lobotka serve Anguissa ai 40 mt, Raspadori, intelligentemente arretra e chiude il triangolo ridando palla al camerunense. Nel frattempo, però, Raspa si porta dietro un difensore centrale dell’Ajax. Nel vuoto creatosi al centro della difesa alta dei lancieri, si fionda come un fulmine Piotr, il quale, ben lanciato da Zambo, piazza una progressione che non lascia scampo a Pasweer. Tre a uno all’intervallo. Clamoroso ad Amsterdam. E non finisce qui. Nelle gare Champions qualsiasi vantaggio è sempre relativo, anche fino a 3 gol di scarto, figurarsi con 2 e un altro tempo da giocare. E così Spalletti, dopo aver fatto staffetta tra Zielinski e Ndombelé, chiede di tenere alta la pressione anche alla ripresa delle ostilità. Pronti via, pressing del solito Anguissa su Bassey, palla riconquistata al limite dell’area e servita a Raspadori, che in scioltezza, al 2′ minuto, infila l’angolo alla sinistra di Pasweer. E sono già 4. Al 18′ altra azione da manuale, iniziata da Ndombelé e materializzata in gol da una triangolazione Kvatatskhelia-Raspadori-Kvaratskhelia. A quel punto, sul 5-1, molti olandesi abbandonano le tribune. Nel silenzio totale il Napoli si scaraventa ancora in attacco e, con i nuovi entrati, colleziona 2 legni (41′ Elmas e 44′ Ndombelé) e la sesta rete con Simeone, al 36′ su assist dell’ex mediano del Tottenham. Al triplice fischio di Letexier, un 6-1 tennistico. Una prestazione semplicemente fantastica. Una sensazione di dominio dopo aver fiaccato una resistenza durata una mezz’ora abbondante. Nel contempo, una consapevolezza che una serata straordinaria serve solo se s’incastona in una continuità di rendimento e risultati che possono davvero proiettare questa squadra al di là di qualsiasi limite. Del resto, il bello del calcio è proprio quello di far diventare reali le cose che sembrano impossibili.
LUIGI GALLUCCI

Champions ’22-’23 gruppo A

Partite giocate

1^ giornata, 7 settembre

Stadio Maradona – Napoli (Italia): Napoli-Liverpool 4-1
Marcatori: 5′ pt e 2′ st Zielisnki (N), 31′ pt Anguissa (N), 45′ pt Simeone (N), 4′ st Luis Diaz (L)

Johan Cruijff Arena – Amsterdam (Olanda): Ajax Glasgow Rangers 4-0
Marcatori: 17′ pt Alvarez (A), 32′ pt Berghuis (A), 33′ pt Kudus (A), 35′ st Bergwijn (A)

2^ giornata, 13-14 settembre

Stadio Anfield – Liverpool (Inghilterra) 13 settembre: Liverpool-Ajax 2-1.
Marcatori: 17’ pt Salah (L), 27’ pt Kudus (A), 44’ st Matip (L)

Stadio Ibrox – Glasgow (Scozia) 14 settembre: Rangers Glasgow-Napoli 1-3
Marcatori: 23′ st Politano (N), 40’ st Raspadori (N), 46′ st Ndombele (N)

Stasera in campo per il 3° turno

Stadio Anfield: Liverpool-Rangers 2-0. Marcatori: 7′ pt Alexander Arnold (L), 8′ st Salah (L)
Cruijff Arena: Ajax-Napoli 1-6.

Prossimi match

4^ giornata, 12 ottobre:
Stadio Maradona: Napoli-Ajax
Ibrox Stadium: Rangers Glasgow-Liverpool

5^ giornata, 26 ottobre
Stadio Maradona: Napoli-Rangers
Cruijff Arena: Ajax Liverpool

6^ giornata, 1 novembre
Anfield Stadium: Liverpool-Napoli
Ibrox Stadium: Rangers-Ajax

Classifica provvisoria: Napoli 9, Liverpool 6, Ajax 3, Glasgow Rangers 0.

Regolamento: la 1^ e la seconda di ciascuno degli 8 gironi si qualificano al tabellone degli ottavi di finale a eliminazione diretta, la 3^ accede ai sedicesimi di finale della coppa Uefa Europa League, mentre la 4^ viene eliminata dalle competizioni Uefa 2022-23.

Pagine social

Sportflash24 è presente su due noti social network (Facebook e Twitter) con apposite pagine dedicate.

Ecco, di seguito, i link attraverso i quali si può accedere: www.facebook.com/sportflash24 , https://www.facebook.com/groups/1281747915292620/  (gruppo pubblico Amici di Sportflash24 con tante ultimissime e curiosità storico-sportive) e www.twitter.com/sportflash24

Ajax-Napoli 1-6 cronaca azioni 4 ottobre 2022

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social