Diretta online finale “italian SuperCup”

Napoli-Inter 22 gennaio 2024

Napoli Inter 0-1 cronaca azioni 22 gennaio 2024 minuto per minuto

Diretta online testuale Napoli-Inter, finale Supercoppa italiana 2023-24. (Foto stadio Al Awwal Park Riyadh: credits pagina Facebook giornalista Giuseppe Tresa SSC Napoli – https://www.facebook.com/azzurrogiuseppetresagiornalistaSSCNapoli?locale=it_IT )

// A centro pagina gli aggiornamenti sul match// 

PRE GARA -

Su 35 edizioni della Supercoppa italiana disputate sul cosiddetto “match secco”, 24 volte hanno vinto le squadre scudettate, mentre nelle restanti 11 circostanze si sono imposte le sfidanti. Quest’ anno, invece, il torneo è stato aperto a 4 formazioni. Alle tradizionali 2 compagini partecipanti (la vincitrice dello scudetto e quella campione di coppa Italia), se ne sono aggiunte altre 2 (la seconda classificata dell’ultima Serie A e la finalista della coppa nazionale 2022-23). Risultato? Semifinali terminate entrambe col medesimo verdetto: 3-0 del Napoli scudettato sulla Fiorentina (finalista di coppa) e 3-0 dell’Inter (campione in Coppa) contro i vice campioni d’Italia della Lazio. Se l’esperimento aveva il compito di fornire risposte in termini di maggiori incertezze rispetto ai valori assoluti che attualmente esprime il nostro calcio, beh si può tranquillamente affermare che l’edizione n° 36 non ha dato l’esito sperato dall’ente organizzatore (Lega Serie A). In finale ci sono arrivate, infatti, le prime due teste di serie: Napoli (1) e Inter (2). Più complicato, invece, il pronostico sul match di stasera, il 3° in 5 giorni allo stadio Al Awwal di Riyadh, quello designato dall’Arabia Saudita come teatro dell’evento. Napoli e Inter nelle ultime 2 sfide, entrambe valide per il massimo campionato e disputate allo stadio Maradona, hanno fatto registrare una vittoria a testa (21 maggio 2023, Napoli-Inter 3-1, trentaseiesima giornata Serie A 2022-23; 3 dicembre 2023, Napoli-Inter 0-3, quattordicesima giornata Serie A 2023-24). Rispetto all’ultimo confronto di un mese e mezzo fa – al di là del fatto che in questo campionato l’Inter, recente campione d’inverno, sta dimostrando grande solidità tecnico-tattica, agonistica e psicologica, mentre il Napoli scudettato arranca con 20 punti di svantaggio rispetto alla capolista ed è 8° in classifica a quota 31 – il motivo d’interesse scaturisce dal fatto che la nuova configurazione tattica degli azzurri, portata in campo nella semifinale contro la Fiorentina, può mischiare un po’ il canovaccio. A seguito dei poco incoraggianti risultati ottenuti nel post Spalletti col sistema di gioco 4-3-3 sia da mr Garcia che da mr Mazzarri, allo stadio Al Awwal, giovedì scorso, si è vista, per la prima volta, una squadra partenopea in grado di giocare, in fase di non possesso, un 5-4-1 abbastanza compatto che ha concesso poco alla viola. Nel contempo, con questo schieramento è migliorata anche l’incisività in attacco rispetto alle precedenti gare. E su queste basi il cliché del match di dicembre difficilmente si rivedrà stasera sul rettangolo verde. L’ipotesi più probabile è che, a differenza dell’ultima sfida di Serie A, stavolta l’Inter dovrà “fare la partita”. E ipotizziamo che, contro questo rivitalizzato Napoli, non sarà semplicissimo confermare determinati valori espressi dal campionato fino alla 20^ giornata. Lu.Ga.

Napoli Inter cronaca 22 gennaio 2024 minuto per minuto

Foto trofeo Supercoppa italiana: credits archivio Dario Di Gennaro (RAI)

LE FINALI VINTE DALLE DUE SQUADRE

2^ EDIZIONE

29 novembre 1989 (stagione agonistica 1989-1990): stadio “Meazza” Milano.
Risultato: INTER – Sampdoria 2-0
Marcatori: 37’ pt Cucchi (I), 41’ st Serena (I)
Arbitro: Longhi
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=67DTLfLGn5Q

3^ EDIZIONE

1 settembre 1990 (stagione agonistica 1990-1991): stadio “San Paolo” Napoli.
Risultato NAPOLI – Juventus 5-1
Marcatori:  8’ e 45’ pt Silenzi (N), 20’ pt e 26’ st Careca (N),39’ pt Roberto Baggio (J), 44’ pt Crippa (N)
Arbitro: Longhi
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=XYpg94UexX8

18^ EDIZIONE

20 agosto 2005 (stagione agonistica 2005-2006): stadio “Delle Alpi” Torino.
Risultato: Juventus – INTER 0-1
Marcatori: 6′ min. 1° t. suppl. Veron (I)
Arbitro: De Sanctis
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=Ap6Iv8pzwcE

19^ EDIZIONE

26 agosto 2006 (stagione agonistica 2006-2007): stadio “Meazza” Milano.
Risultato: INTER – Roma 4-3
Marcatori: 13’ pt Amantino Mancini (R), 25’ e 34’ pt Aquilani (R), 44’ pt e 29’ st Vieira (I), 20’ st Crespo (I), 11’ min. 1° t. suppl. Figo (I)
Arbitro: Saccani
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=wiVp-3eyw2w

21^ EDIZIONE

24 agosto 2008  (stagione agonistica 2008-2009): stadio “Meazza” Milano.
Risultato INTER – Roma 10-9 (dopo i calci di rigore)
Marcatori nei tempi regolamentari: 18’ pt Muntari (I), 15’ st De Rossi (R), 39’ st Balotelli (I), 46’ st Vucinic (R)
Sequenza tiri di rigore: 1° Vucinic (R) gol; 2° Ibrahimovic (I) gol; 3° Batista (R) gol; 4° Balotelli (I) gol; 5° Cassetti (R) gol; 6° Stankovic (I) errore; 7° De Rossi (R) gol; 8° Maxwell (I) gol; 9° Totti (R) errore; 10° Cambiasso (I) gol; 11° Pizarro (R) gol; 12° Luis Jimenez (I) gol; 13° Juan (R) errore; 14° Zanetti (I).
Arbitro: Saccani
Video report / 1: gol tempi regolamentari > https://www.youtube.com/watch?v=a57vr_BgT0k
Video report / 2: rigori > https://www.youtube.com/watch?v=8fToFJRH2Aw

23^ EDIZIONE

21 agosto 2010 (stagione agonistica 2010-2011): stadio “Meazza” Milano.
Risultato: INTER – Roma 3-1
Marcatori: 21’ pt Riise (R), 41’ pt Pandev (I), 25’ e 35’ st Eto ‘O (I)
Arbitro: Bergonzi
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=kHsInre9Q78

27^ EDIZIONE

22 dicembre 2014 (stagione agonistica 2014-15): stadio “Al Sadd – Jassim Bin Hamad” (Doha, QATAR).
Risultato: Juventus – NAPOLI 7-8 (dopo i calci di rigore).
Marcatori:  5’ pt e 2’ min. 2° t. suppl. Tevez (J), 23’ st e 13’ min. 2° t. suppl. Higuain (N)
Sequenza tiri di rigore: 1° Jorginho (N) errore; 2° Tevez (J) errore; 3° Ghoulam (N) gol; 4° Vidal (J) gol; 5° Albiol (N) gol; 6° Pogba (J) gol; 7° Inler (N) gol; 8° Marchisio (J) gol; 9° Higuain (N) gol; 10° Morata (J) gol; 11° Gargano (N) gol; 12° Bonucci (J) gol; 13° Mertens (N) errore; 14° Chiellini (J) errore; 15° Callejon (N) errore; 16° Pereyra (J) errore; 17° Koulibaly (N) gol; Padoin (J) errore.
Arbitro: Valeri
Video report > https://www.youtube.com/watch?v=hfD7UkYPTp0

34^ EDIZIONE

12 gennaio 2022 (stagione agonistica 2021-22): stadio “Meazza” Milano.
Risultato: INTER-Juventus 2-1
Marcatori: 25′ pt Mckennie (J), 35′ pt Lautaro Martinez (I), 15′ min. 2° t, suppl. Alexis Sanchez (I)
Arbitro: Doveri.

Match report > https://www.sportflash24.it/inter-juventus-cronaca-12-gennaio-2022-supercoppa-243711

35^ EDIZIONE

18 gennaio 2023 (stagione agonistica 2022-23): stadio “King Fahd” Riyadh (ARABIA SAUDITA).
Risultato: Milan-INTER 0-3
Marcatori: 10′ pt Dimarco (I), 21′ pt Dzeko (I), 32′ st Lautaro Martinez (I)
Arbitro: Maresca.

Match report >> http://www.sportflash24.it/milan-inter-0-3-cronaca-azioni-18-gennaio-2023-250623

GRADUATORIA SQUADRE VINCITRICI SUPERCOPPA ITALIANA DAL 1989 AL 2023: Juventus 9 edizioni, Inter 7, Milan 7, Lazio 5, Napoli 2, Roma 2, Sampdoria 1, Parma 1, Fiorentina 1.

CAMPIONI D’ITALIA: 24 titoli
SQUADRE SFIDANTI: 11 trofei
SEQUENZA CON IL MAGGIOR NUMERO DI SUCCESSI: 3 Milan (1992, 1993, 1994).

Nota: nella parte relativa al punteggio della finale, sul lato sinistro c’è sempre la squadra campione in carica della Serie A.

(Fonte: le 35 finali dal 1989 al 2023 >> https://www.sportflash24.it/albo-doro-supercoppa-italiana-35-edizioni-dal-1989-al-2023-48995 )

DICHIARAZIONI DELLA VIGILIA

Walter Mazzarri (allenatore del Napoli): “La mentalità che devono avere i miei ragazzi è sempre quella di puntare al massimo. Abbiamo grandi stimoli e vogliamo esprimere le nostre potenzialità al meglioIn semifinale (3-0 contro la Lazio, ndr) abbiamo visto una Inter straripante. Affrontiamo un avversario nel momento più brillante di questa stagione e, se dovessimo ottenere un risultato positivo, per noi sarebbe un traguardo importante anche sotto il profilo moraleIn campionato abbiamo perso 3-0, ma in realtà abbiamo avuto maggiore possesso palla e varie occasioni da gol. Loro hanno avuto delle ripartenze e hanno segnato. Le partite vanno analizzate anche negli episodi”.

(Fonte: www.sscnapoli.it – Rielaborazione giornalistica: Sportflash24)

Simone Inzaghi (allenatore dell’Inter): “Una finale tante volte è decisa dagli episodi: bisogna fare molta attenzione. La squadra deve continuare a lavorare come nelle ultime partite. Giochiamo contro i campioni d’Italia, hanno vinto 3-0 la semifinale, in campionato hanno avuto qualche problema, ma hanno tanta qualità, con una rosa lunga”. E poi aggiunge: “Servirà una partita importante. ll Napoli ha cambiato modulo. Prima era una squadra di possesso, ora lo è meno. Se Mazzarri confermerà l’assetto della semifinale, ci troveremo pronti. Al di là di modulo e tattiche, conteranno le motivazioni”.

(Fonte: https://www.inter.it/it/notizie/conferenza-stampa-inzaghi-lautaro-riyadh-finale-supercoppa-italiana – Rielaborazione giornalistica: Sportflash24).

AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Nota Live Scores: per visualizzare i nostri aggiornamenti in tempo reale, premi il tasto F5 del PC o, se sei collegato al nostro sito con altre tipologie di dispositivi informatici (smartphone, tablet o smart tv), attiva un’analoga funzione. Tra un aggiornamento di dati e un altro potrebbe trascorrere un massimo di 4 minuti.

IL TABELLINO

Risultato finale Napoli-Inter 0-1
Marcatori: 46′ st Lautaro Martinez (I)
Squadra campione: INTER.

FORMAZIONI UFFICIALI

Napoli (3-4-2-1): Gollini; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus; Zerbin, Lobotka, Cajuste, Mazzocchi; Politano, Kvaratskhelia; Simeone.
In panchina: Contini, Idasiak, Mario Rui, D’Avino, Ostigard, Demme, Zielinski, Lindstrom, Gioielli, Ngonge (nuovo acquisto dall’Hellas Verona), Gaetano, Raspadori.
Allenatore: Walter Mazzarri.

Inter (3-5-2): Sommer; Pavard, De Vrij, Acerbi; Darmian, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro Martinez, Thuram.
In panchina: Di Gennaro, Audero, Carlos Augusto, Bisseck, Stabile, Bastoni, Dumfries, Klaassen, Frattesi, Buchanan, Asllani, Arnautovic, Alexis Sanchez.
Allenatore: Simone Inzaghi.

Designazioni arbitrali: direttore di gara Rapuano, coadiuvato dai guardalinee Colarossi e Tolfo; quarto ufficiale Di Bello; addetto al VAR Di Paolo; assistente (AVAR) Aureliano; arbitro di riserva L. Rossi

LA PARTITA MINUTO PER MINUTO

Azioni, cartellini, sostituzioni

Primo tempo

Ore 20.01, allo stadio Al Awwal inizia Napoli-Inter, finale di Supercoppa 2023-24.

Nel 1° tempo il Napoli attacca da destra verso sinistra rispetto alla visuale della tribuna stampa.

4′ – Fallaccio su Zerbin, ma l’arbitro concede solo la punizione al Napoli.

5′ – Punizione di Kvaratskhelia dalla trequarti destra e respinta di testa di Pavard.

6′ – Cross di Zerbin da destra…ma Pavard anticipa Simeone in area di rigore nerazzurra.

8′ – Lancio lungo di Acerbi verso Thuram, ma Gollini è attentissimo ed esce di piede, mettendo la palla in fallo laterale.

9′ – Cross di Dimarco da sinistra, ma Gollini esce con tempismo e blocca la sfera.

11′ – Barella spintona e atterra Simeone, ma l’arbitro concede solo la punizione al Napoli dai 20 metri.

12′ – Punizione battuta da Kvaratskhelia e respinta della barriera nerazzurra.

12′ – Napoli col 5-4-1 in fase di non possesso e col 3-4-2-1 in ambito di costruzione della manovra. Zerbin a destra e Mazzocchi a sinistra coprono le rispettive fasce. In difesa, trio Di Lorenzo-Rrahmani-Jesus. A centrocampo, Lobotka e Cajuste. Un po’ più avanti, Kvara e Politano dietro la punta Simeone.

14′ – Sugli sviluppi di una rimessa laterale, staffilata di Dimarco dai 20 metri e palla leggermente deviata dalla difesa azzurra. Si riprende con un calcio d’angolo.

15′ – Sugli sviluppi del corner da destra, il Napoli non concede varchi.

17′ – Calhanoglu ci prova dai 25 metri: parata di Gollini.

18′ – Darmian atterra Kvara, l’arbitro Rapuano lascia correre e, sullo sviluppo dell’azione, Mkhitaryan va al tiro dalla distanza: sfera alta. Protesa Mazzarri col quarto uomo Di Bello.

20′ – Fase di pressione alta dell’Inter.

21′ – Acerbi ferma con la mano una ripartenza di Zerbin sulla destra, ma l’arbitro non lo ammonisce. Semplice calcio di punizione per il Napoli.

24′ – Rrahmani mette in corner un cross da destra di Pavard. Buona uscita, palla al piede, dei nerazzurri sul pressing alto azzurro.

24′ – Sugli sviluppi del corner da destra, Gollini respinge di pugno.

27′ – Calhanoglu pesta Lobotka in mediana. Solo punizione a favore del Napoli.

28′ – Su verticalizzazione di Jesus, Cajuste va via sulla sinistra e crossa al limite dell’area di rigore per Kvara. Il georgiano elude la marcatura di Mkhitaryan, ma nulla può contro Pavard, che gli toglie il pallone.

31′ – Cross di Acerbi da sinistra e tocco di testa di Lautaro dal centro dell’area: palla a lato.

32′ – De Vrij atterra Simeone, ma l’arbitro ancora una volta non estrae il cartellino giallo.

33′ – Buon intervento di Di Lorenzo, in anticipo su Thuram in area di rigore.

34′ – Inter col 5-3-2 in fase di non possesso.

36′ – Ottima chiusura Di Lorenzo-Zerbin su Dimarco, che cercava di proporsi sulla sinistra in modo insidioso.

36′ – Acerbi commette fallo tattico su Politano. Ancora una semplice punizione a favore del Napoli.

38′ – Annullato un gol dell’Inter per netto fuorigioco di Thuram.

41′-  Kvara tenta una percussione in area di rigore da sinistra, ma De Vrij non abbocca alle finte e devia in fallo laterale il cross del georgiano.

42′ – Fallo tattico di Rrahmani su Lautaro.

42′ – Ammonito Rhahmani (N). Amir si lamenta per il fatto che era al suo primo fallo…

43′ – Verticalizzazione rasoterra di Mkhitaryan per Thuram, ma Mazzocchi riesce ad allontanare l’ insidioso pallone.

44′ – Calhanoglu commette fallo netto su Kvara.

44′ – Ammonito Calhanoglu (I).

45′ – Assegnato 1 minuto di recupero.

46′ – Cross di Barella da destra e Thuram, ben marcato da Rrahmani, riesce solo a toccare debolmente di testa: palla alta.

46′ – Duplice fischio di Rapuano. Pari per 0-0 tra Inter e Napoli. La reattività dei campioni d’Italia per ora sta creando un po’ di problemi ai nerazzurri. Rispetto alla semifinale contro la Lazio, la squadra di Simone Inzaghi sta affrontando un compito di un livello nettamente più impegnativo.

Secondo tempo

NOTIZIA SHOCK, CALCIO ITALIANO IN LUTTO. A 79 ANNI MUORE GIGI RIVA, IL PIU’ GRANDE ATTACCANTE AZZURRO DI TUTTI I TEMPI. Allo stadio Al Awwal, prima di iniziare il secondo tempo, si osserva un minuto di raccoglimento in memoria di “Rombo di tuono”, campione d’Europa 1968 e vice campione mondiale 1970 con la nostra Nazionale, nonché vincitore dello scudetto col Cagliari al termine del campionato di Serie A 1969-70.

Ore 21.04, allo stadio Al Awwal riprende Napoli-Inter, finale di Supercoppa 2023-24.

Nel 2° tempo l’Inter attacca da destra verso sinistra rispetto alla visuale della tribuna stampa.

1′ – Fallo di Zerbin su Dimarco.

1′ – Ammonito subito Zerbin (N)

2′ – Sportellata di De Vrij su Simeone, il quale provava ad andarsene sulla trequarti avversaria.

2′ – Ammonito De Vrij (I).

3′ – Punizione a giro di Politano dai 25 metri e palla alta.

6′ – Contropiede del Napoli e assist di Lobotka per Kvara, il cui tiro a giro dalla zona sinistra dell’area di rigore costringe Sommer a una deviazione in tuffo: palla in corner.

7′ – Sugli sviluppi del calcio d’angolo da destra, l’Inter non corre rischi.

10′ – Ammonito Barella (I) per pallo tattico su Cajuste.

11′ – Fallo tattico di Simeone nella trequarti d’attacco per impedire un contropiede dell’Inter in fase molto embrionale.

11′ – Ammonito Simeone (N)

12′ – Conclusione di Thuram dai 20 metri e parata di Gollini.

13′ – Cambio nel Napoli. Esce Zerbin ed entra Ostigard.

15′ – Pestone di Simeone su Acerbi a centrocampo. 

15′ – Seconda ammonizione e conseguente ESPULSIONE DI CHOLITO. Napoli in 10 contro 11 nell’ultima mezz’ora.

16′ – “Vergogna” urla Mazzarri dalla panchina, dopo aver visto i suoi giocatori tartassati nel primo tempo e gli avversari non puniti con i cartellini in alcune circostanze.

18′ – Doppio cambio nell’Inter. Carlos Augusto rileva De Vrij. Frattesi prende il posto di Barella.

20′ – Napoli col 5-4…

20′ – Due corner consecutivi dell’Inter dal settore di sinistra.

21′ – Kvara spazza via la palla dalla propria metà campo, dopo un ottimo intervento difensivo di Lobotka.

22′ – Pavard serve da destra Thuram, il quale liscia la sfera in area piccola. La difesa azzurra ringrazia.

23′ – Dimarco crossa da sinistra e Lautaro tira al volo dall’interno dell’area di rigore: palla alta.

24′ – Calhanoglu dai 25 metri: sfera altissima.

25′ – Doppio cambio nel Napoli. Lindstrom entra al posto di Politano. Gaetano rileva Kvaratskhelia.

26′ – Ormai si gioca negli ultimi 30 metri del Napoli. Azzurri con una linea a 6 di difesa (Di Lorenzo, Ostigard, Rrahmani, Jesus, Cajuste e Mazzocchi), con gli altri 3 (Gaetano, Lobotka e Lindstrom) davanti.

28′ – Sugli sviluppi di un corner da sinistra, Pavard tocca male di testa e Thuram, sorpreso, si vede rimbalzare la traiettoria sulle ginocchia, senza avere il tempo per indirizzarla in porta. Pallone sul fondo.

29′ – Doppio cambio nel Napoli. Entra Mario Rui ed esce Mazzocchi. Cajuste fa spazio a Raspadori.

31′ – Ammonito Mazzarri per proteste.

34′ – Contropiede ben condotto da Lindstrom e tiro di Mario Rui da fuori area: palla a lato.

35′ – Napoli ora col 5-3-1 in fase di non possesso. Di Lorenzo, Ostigard, Rrahmani, Juan Jesus e Mario Rui in difesa; Gaetano, Lobotka e Lindstrom in mediana e Raspadori leggermente più avanzato.

36′ – Doppio cambio nell’Inter. Sanchez entra al posto di Thuram. Dimarco fa spazio ad Arnautocvic.

37′-  Sugli sviluppi di un corner da destra, Mkhitaryan tira alto dai 25 metri.

39′ – Gran stoppata di Di Lorenzo su un diagonale tentato da Carlos Augusto dal settore di sinistra.

40′ – Corner da destra per l’Inter, ma Ostigard respinge di testa.

43′ – Lindstrom prova a sorprendere Sommer con un pallonetto dalla mediana, ma la sfera termina di poco fuori.

45′ – Ammonito Gaetano (N) per fallo su Alexis Sanchez.

45′ – Assegnati 5 minuti di recupero.

46′ – GOOOL. Inter in vantaggio. Su assist di Alexis Sanchez, Pavard crossa da destra, Gaetano e Di Lorenzo si fanno sorprendere in mezzo da Lautaro Martinez e il TORO fa secco Gollini con un tiro dal limite dell’area piccola.

48′ – Cambio nell’Inter. Bisseck rileva Lautaro.

51′-  Tiro di Calhanoglu e deviazione di Gollini in corner.

52′ – Non c’è tempo per battere il calcio d’angolo. Finisce qui. L’Inter batte il Napoli 1-0 e conquista l’ottava supercoppa della sua storia, la 3^ consecutiva. Uomo-partita…Lautaro Martinez, autore del gol nei minuti di recupero. Da questa competizione, al di là del verdetto, la compagine di Mazzarri esce con una certezza: è tornata una squadra compatta e determinata.   

DICHIARAZIONI POST PARTITA

Aurelio De Laurentiis  presidente del Napoli, a Canale 5: “Noi siamo in pieno mercato: abbiamo già fatto 3 acquisti e altri 2 sono in entrata. La nostra è una squadra in fieri. Onore a chi ha vinto, ma ho visto un Napoli in crescita. Nonostante le assenze (Natan, Osimhen, Anguissa, Olivera, Meret, ndr) e l’espulsione, ha dato filo da torcere all’Inter. L’arbitro? A me dispiace per il designatore Rocchi, che sta vivendo degli incubi. La debolezza degli arbitri quest’anno è imbarazzante”. 

Simone Inzaghi a Canale 5: “Complimenti ai giocatori del Napoli, perché hanno lottato come dei leoni.  Avevamo di fronte una squadra che sapeva quello che doveva fare in campo. E complimenti anche ai miei. Avevo una squadra un po’ affaticata, ma abbiamo avuto una grande concentrazione. Potevamo far gol già nel 1° tempo”. 

COMMENTO / Il Napoli è tornato una squadra

Il Napoli si sta ritrovando. A Riyadh ha cambiato sistema di gioco, passando dal 4-3-3 al camaleontico 3-4-2-1 (che diventa 5-4-1 in fase di non possesso), ha battuto in modo convincente la Fiorentina in semifinale e nella finale contro l’Inter, pur non portando a casa la 3^ supercoppa della sua storia, ha reso molto complicata la vita a una squadra nerazzurra che, in campionato, dopo le prime 20 giornate gli ha già inflitto 20 punti di distacco: 51 contro 31. Chi stasera pensava che, dopo il 3-0 rifilato alla Lazio in semifinale, il biscione potesse fare un sol boccone del Ciuccio scudettato …è rimasto deluso. E, se il migliore in campo è stato Lautaro Martinez, autore del gol decisivo al 46° del secondo tempo, quando ormai si era a un passo dalla “lotteria” dei rigori, il peggiore, non solo “a furor di popolo Social” ma anche a “furor di critica”, è stato l’arbitro Rapuano. A causa delle sue decisioni asimmetriche tra primo e secondo tempo, in termini di cartellini estratti rispetto ai pestoni subiti dai giocatori, il “fischietto” inviato dalla FIGC allo stadio Al Awwal alla prima, grande finale della propria carriera è stato bocciato. E pure nettamente. Un suo ex collega, il noto Graziano Cesari, nel dopo-gara dagli studi televisivi Mediaset gli ha rifilato un inequivocabile “voto 4”. Sul nostro taccuino, prima che il direttore di gara iniziasse a estrarre Gialli a valanga tra la fine del 1° tempo e l’inizio del 2°, abbiamo annotato ben 6 fallacci dei nerazzurri rimasti impuniti durante la prima frazione. E in una finale – si sa – i cartellini pesano tantissimo… In tale ambito, forse anche un po’ tradito dalla foga agonistica, protagonista in negativo sul fronte Napoli è stato Gaetano Simeone. L’argentino, dopo aver commesso un piccolo fallo all’11° del secondo tempo, su cui si è abbattuta la prima, esagerata ammonizione, al 15°, durante un contrasto a centrocampo, è andato oltre il limite consentito dal regolamento e in quel caso ha subito un secondo cartellino giallo e il conseguente Rosso. E’ stato quello l’episodio che ha costretto il Napoli a rivedere i propri piani e a giocare nell’ultima mezz’ora in 10 contro 11. In tale fase il Ciuccio ha cambiato 3 sistemi di gioco, tutti necessariamente difensivi: prima un 5-4 senza attaccante, poi un 6-3 ugualmente spuntato e, infine, un 5-3-1 con Raspadori come riferimento un po’ più avanzato, nonostante il baricentro basso mantenuto dalla squadra. Nel contempo, restando in ambito tattico, va evidenziato che, in fase di parità numerica, il 5-4-1 compatto del Napoli ha messo in seria difficoltà l’Inter; compagine che ha sbagliato molto negli ultimi 25 metri a causa della mancanza di spazi. Non a caso, Gollini nei primi 45 minuti ha dovuto parare solo un tiro di Calhanoglu da fuori area. Nel frattempo, proprio mentre a metà partita iniziavano a fioccare improvvisamente ammonizioni a ogni fallo tattico, sullo 0-0 Kvaratskhelia, in contropiede e su assist del tuttocampista Lobotka, ha costretto Sommer a compiere la sua unica, spettacolare parata della serata. Il tiro a giro di Kvara, scagliato al 5° della ripresa e indirizzato nell’angolo alto alla sinistra del portiere ex Bundesliga, ha visto l’estremo difensore nerazzurro prodursi in un gran tuffo alla sua sinistra, finalizzato a smanacciare in corner un pallone velenosissimo. Dopo un’ora di ordalia agonisticamente e tatticamente molto intensa, nella quale le due squadre si sono sostanzialmente equivalse, il Rosso subito al 15° del secondo tempo da Simeone ha stravolto il canovaccio della partita. E a quel punto la domanda è stata una sola: quanto tempo resisterà il Napoli in inferiorità numerica contro l’Inter? Beh, la risposta l’ha data il campo. Il bunker mazzarriano, che già nel 1° tempo in attenta versione 5-4-1 aveva concesso le briciole agli avversari, anche in 10 ha tagliato indenne il traguardo dei secondi 45 minuti ed è stato punito solo nel recupero dal giocatore più abituato a sfruttare determinate situazioni: l’argentino Lautaro Martinez, autentico fuoriclasse, il quale, proprio quando tirava aria di rigori, ha capitalizzato al meglio sia un cross da destra dell’ottimo Pavard sia le indecisioni in marcatura di Gaetano e Di Lorenzo. Questi ultimi, al 46°, sul traversone del francese, si sono fatti prendere tempo e spazio dal Toro. E a quel punto “l’incornata” dello 0-1 è stata fatale. Trofeo all’Inter, ottava Supercoppa nazionale della sua storia e record assoluto stabilito in questa competizione da mister Simone Inzaghi, il quale, grazie ai 2 successi ottenuti con la Lazio (2017 e 2019) e ai 3 consecutivi con l’Inter (2022, 2023, 2024), è diventato l’allenatore con più supercoppe nazionali vinte: ben 5. Luigi Gallucci

Napoli Inter 0-1 cronaca azioni 22 gennaio 2024 minuto per minuto

*

Stadio Al Awwal Park Riyadh (Foto: credits https://www.facebook.com/azzurrogiuseppetresagiornalistaSSCNapoli?locale=it_IT )

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social