Napoli  Nord: iniziativa di sensibilizzazione artistica

nelle scuole promossa dall’imprenditore maranese

Giuseppe Pezzuto in occasione del suo 60° anno 

Pezzuto 60: anniversario imprenditoriale festeggiato

In tempo di conflitti bellici, il team imprenditoriale Pezzuto promuove il 1° concorso “Un gioiello per la pace 2024″, riservato agli studenti delle scuole pubbliche di Marano, Mugnano e Calvizzano. In palio, tra premi in denaro e borse di studio, circa 5000 euro.

di attività nel settore dei gioielli 

pezzuto giuria

Concorso “Un gioiello per la pace 2024″: giurati a lavoro per esaminare i quasi 300 elaborati artistici pervenuti nelle scorse settimane a Marano.

// In una fase della storia in cui 2 Stati dell’ONU (Russia e Ucraina) sono in guerra da 28 mesi  e 1 (Israele) decide di usare forze militari nel tentativo (per ora non riuscito) di annientare i fondamentalisti di Hamas (gruppo alla guida dello Stato della Palestina, riconosciuto da oltre 140 nazioni ONU su un totale 193 stati membri), nella primavera di quest’anno a nord Ovest di Napoli un imprenditore illuminato, l’orafo maranese di lungo corso Giuseppe Pezzuto, in occasione del 60° anniversario della sua attività nel campo della creazione, della lavorazione e della commercializzazione dei gioielli, promuove, tra gli studenti delle scuole pubbliche del territorio, un’iniziativa ad alto impatto socio-educativo e inclusivo, denominata “Premio Giuseppe Pezzuto per i giovani 2024 – Concorso di idee per ragazzi 1^ edizione – Un gioiello per la pace”.

Nel pratico, viene emesso un regolamento e si dà ai ragazzi la possibilità di disegnare (sia riuniti in gruppetti che singolarmente) gioielli su un tema che, obiettivamente, riveste una importanza vitale nella storia della nostra civiltà contemporanea.

ragazzi

I valori dell’arte e dell’inclusione sociale tra i fili conduttori del 1° concorso “Un gioiello per la pace 2024″

In tale contesto, ai migliori lavori presentati vengono assegnati – dopo un attento lavoro da parte di una giuria formata da liberi professionisti, architetti e operatori della comunicazione – premi in denaro e una borsa di studio per un valore complessivo di circa 5000 euro.

Palco scuola Alfieri Marano, maggio 2024: nel gran finale del concorso artistico voluto dall’imprenditore Giuseppe Pezzuto, foto di gruppo con la presenza di dirigenti scolastici, studenti e amministratori locali.

Tra i fini di questa iniziativa c’è, infatti, anche quello di incentivare i migliori talenti delle scuole secondarie di 1° grado a iscriversi a un istituto d’arte.

Il concorso – grazie a un grande sensibilità dimostrata da istituzioni locali e studenti di Marano, Calvizzano e Mugnano – si rivela un successo e con ogni probabilità è destinato ad avere un seguito, anche se l’ideatore Peppe Pezzuto tiene a precisare che “l’impegno profuso per la selezione dei migliori lavori tra i 250 pervenuti è stato enorme” e poi aggiunge che lui ha “un’età…” e non è più “un ragazzino…”. Nel frattempo, però, a premiazioni avvenute pochi giorni fa presso la scuola Vittorio Alfieri di Marano, si può tranquillamente dire, prendendo spunto dall’arte cinematografica, “buona la prima”.

(Fonti sitografiche:

VIDEO – Giuseppe Pezzuto 1963-2023: sessant’ anni di vita imprenditoriale raccontati al giornalista Gianni Leprehttps://www.youtube.com/watch?v=jQntEueSp64

Regolamento 2024 “Un gioiello per la Pace”: https://www.illuminatocirino.edu.it/borsa-di-studio-premio-giuseppe-pezzuto-per-i-giovani/?fbclid=IwZXh0bgNhZW0CMTEAAR2hhl5rgaTDtQlQG07RVmiefzlL8A_eI0R9G_4cBKy044EkoItrwZb3vkQ_aem_AYTuJ6dusf5GHY_5UH6au63f8pfa9SxvuU2udI3PlzIEQ-Dvm2alWoW4A4ErhjrM73oW_4Y3Ki31h_isZbCw5WQe

Aggiornamenti di carattere internazionale:

https://www.eunews.it/2024/05/24/tre-quarti-onu-riconosce-palestina-stato/#:~:text=Dei%20193%20Stati%20membri%20dell,come%20entit%C3%A0%20geografica%20e%20politica.

https://www.ilsole24ore.com/art/spagna-irlanda-e-norvegia-riconoscono-palestina-ora-sono-142-paesi-ad-aver-fatto-questo-passo-AGiCHzH )

(Fonte foto: archivio Giuseppe Pezzuto).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social