Quarti di finale Champions 2023-24: accoppiamenti, statistiche

Trofeo Champions League, foto archivio Sportflash24.it / Napoli-Secondigliano, evento Uefa For Children 12 ottobre 2023: il nostro direttore Luigi Gallucci indica il grande obiettivo di tutti i calciatori che giocano questa competizione, e cioè mettere le mani sulla “coppa con le orecchie” almeno per una volta in carriera.

Sorteggio 1/4 finale

Champions 15 marzo 2024

- Oggi a Nyon si è svolto il sorteggio riguardante gli accoppiamenti dei quarti di finale della Uefa Champions League 2023-24, i cui incontri di andata si disputeranno il 9 e 10 aprile, mentre quelli di ritorno sono in calendario per il 16 e 17 aprile. Ecco, di seguito, il responso dell’urna svizzera.

Atletico Madrid (Spagna) – Borussia Dortmund (Germania)

Barcellona (Spagna) – Paris Saint Germain (Francia)

Real Madrid (Spagna) – Manchester City (Inghilterra, campione in carica)

Arsenal (Inghilterra) – Bayern Monaco (Germania).

In chiusura di cerimonia Uefa sono stati sorteggiati anche i potenziali abbinamenti del tabellone delle due semifinali. Questi i possibili incroci del seeding:

semifinale 1, vincente match Atletico Madrid – Borussia Dortmund contro vincente Barcellona – PSG;

semifinale 2, vincente Arsenal-Bayern Monaco contro vincente Real Madrid-Manchester City. Queste le date delle semifinali: andata 30 aprile e 1 maggio 2024, ritorno 7 e 8 maggio ‘24.

Il torneo si concluderà con la finale del 1 giugno 2024, prevista allo stadio di Wembley in Londra.

Focus storico-statistico quarti di finale

Champions League / Coppa dei Campioni

I RECORD DELLE MAGNIFICHE 8 DEL 2024

Real Madrid, 14 Uefa Champions League/Coppe dei Campioni conquistate e 38 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 31 vittorie e 6 sconfitte: 1956* (vincente), 1957* (v.), 1958* (v.), 1959* (v.), 1960* (v.), 1962 (v.), 1964 (v.), 1965 (perdente), 1966* (v.), 1967 (p.), 1968 (v.), 1973 (v.), 1976 (v.), 1980 (v.), 1981 (v.), 1987 (v.), 1988 (v.), 1989 (v.), 1991 (p.), 1998* (v.), 1999 (p.), 2000* (V.), 2001 (v.), 2002* (v.), 2003 (v.), 2004 (p.), 2011 (v.), 2012 (v.), 2013 (v.), 2014* (v.), 2015 (v.), 2016* (v.), 2017* (v.), 2018* (v.), 2021 (p.), 2022* (v.), 2023 (v.), 2024 (?).
(*) vincitrice del trofeo.

Bayern Monaco, 6 Uefa Champions League/Coppe dei Campioni e 35 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 20 vittorie e 14 sconfitte: 1973 (perdente), 1974* (vincente), 1975* (v.), 1976* (v.), 1977 (p.), 1981 (v.), 1982 (v.), 1986 (p.), 1987 (v.), 1988 (p.) 1990 (v.), 1991 (v.), 1995 (v.), 1996 (p.), 1998 (p.), 1999 (v.), 2000 (v.), 2001* (v.), 2002 (p.), 2005 (p.), 2007 (p.), 2009 (p.), 2010 (v.), 2012 (v.), 2013* (v.), 2014 (v.), 2015 (v.), 2016 (v.), 2017 (p.), 2018 (v.), 2020* (v.), 2021 (p.), 2022 (p.), 2023 (p.), 2024 (?).

Barcellona, 5 Uefa Champions League/Coppe dei Campioni e 25 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 17 vittorie e 7 eliminazioni: 1960 (vincente); 1961 (v.); 1975 (v.); 1986 (v.); 1992* (nel girone a 4 squadre, livello “quarti-semifinali”, si classifica 1° e successivamente, nella finalissima per la conquista del trofeo, batte la Sampdoria ai Supplementari); 1994 (nel girone a 4 squadre “livello Quarti”, si classifica al 1° posto e vola in semifinale); 1995 (perdente); 2000 (v.); 2002 (v.); 2003 (p.); 2006* (v.); 2008 (v.); 2009* (v.); 2010 (v.); 2011* (v.); 2012 (v.); 2013 (v.); 2014 (p.); 2015* (v.); 2016 (p.); 2017 (p.); 2018 (p.); 2019 (v.); 2020 (p.), 2024 (?).

Borussia Dortmund, 1 Uefa Champions League/Coppa dei Campioni e 10 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 4 vittorie e 5 sconfitte: 1958 (perdente), 1964 (vincente), 1996 (p.), 1997* (v.), 1998 (v.), 2013 (v.), 2014 (p.), 2017 (p.), 2021 (p.), 2024 (?).

Manchester City, 1 Uefa Champions League/Coppa dei Campioni e 8 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 4 vittorie e 3 sconfitte: 2016 (vincente), 2018 (perdente), 2019 (p.), 2020 (p.), 2021 (v.), 2022 (v.), 2023* (v.), 2024 (?).

Atletico Madrid, 0 trofei Uefa Champions League/Coppa dei campioni e 12 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 6 vittorie e 5 sconfitte: 1959 (vincente), 1971 (v.), 1974 (v.), 1978 (perdente), 1997 (p.), 2014 (v.), 2015 (p.), 2016 (v.), 2017 (v.), 2020 (p.), 2022 (p.), 2024 (?).

Paris Saint Germain, 0 trofei Uefa Champions League/Coppa dei Campioni e 8 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 3 vittorie e 4 sconfitte: 1995 (vincente), 2013 (perdente), 2014 (p.), 2015 (p.), 2016 (p.), 2020 (v.), 2021 (v.), 2024 (?).

Arsenal, 0 trofei Uefa Champions League/Coppa dei Campioni e 8 qualificazioni ai quarti di finale con un record provvisorio di 2 vittorie e 5 sconfitte: 1972 (perdente), 2001 (p.), 2004 (p.), 2006 (vincente), 2008 (p.), 2009 (v.), 2010 (p.), 2024 (?).

Riuscirà una tra Atletico Madrid, Arsenal e Paris Saint Germain a sfatare il tabù del trofeo che manca nelle rispettive bacheche? La risposta la conosceremo nelle prossime settimane.

FEDERAZIONI CALCISTICHE CON SQUADRE PRESENTI ALMENO UNA VOLTA NEI QUARTI DI FINALE DAL 1956 AL 2024

Austria: Rapid Vienna, Austria Vienna, Sport Club Vienna, FC Wacker Innsbruck.

Belgio: Anderlecht (Bruxelles), Malines, Club Brugge, Standard Liegi.

Bulgaria: Cska Sofia.

Cipro: Apoel Nicosia.

Danimarca: Brondby, Aarhus Agf.

Finlandia: Lathy.

Francia: Olympique Marsiglia, Reims, Nizza, Olympique Lione, Paris Saint Germain, Saint Etienne, Bordeaux, Nantes, Strasburgo, As Monaco (Montecarlo), Auxerre.

Germania: Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Borussia Monchengladbach, Bayer Leverkusen, Werder Brema, Wolfsburg, Schalke 04 (Gelsenkirchen), Eintracht Francoforte, Eintracht Brawnschweig, Amburgo, Colonia, Norimberga, Kaiserslautern, Lipsia Red Bull.

Grecia: Panathinaikos Atene, Aek Atene, Olympiakos Atene.

Inghilterra: Manchester United, Manchester City, Tottenham (Londra), Arsenal (Londra), Chelsea (Londra), Liverpool, Everton (Liverpool), Derby Country, Wolverhampton, Bournley, Aston Villa (Birmingham), Nottingham Forest.

Irlanda del Nord: Linfield (Belfast).

Italia: Milan AC (Milano), Juventus (Torino), Internazionale Fc (Milano), Sampdoria (Genova), Fiorentina (Firenze), As Roma, Napoli, SS Lazio (Roma), Atalanta B.C. (Bergamo).

Norvegia: Rosenborg.

Olanda: Fejenoord (Rotterdam), Ajax (Amsterdam), Psv Eindhoven, Sparta Rotterdam, Fc Amsterdam.

Polonia: Widzew Lodz, Legia Varsavia, Wisla Cracovia, Ruch Chorzow, Gornik Zabrze.

Portogallo: Benfica (Lisbona), Porto, Sporting Lisbona.

Romania: Steaua Bucarest, Dinamo Bucarest, Università Craiova.

Russia: Cska Mosca.

Scozia: Rangers Glasgow, Celtic Glasgow, Dundee United, Hibernian (Edimburgo).

Spagna: Real Madrid, Atletico Madrid, Barcellona, Siviglia, Athletic Bilbao, Real Sociedad (San Sebastian), Valencia, Villareal (provincia di Castellon), Malaga, Deportivo La Coruna.

Svezia: Malmo FF, Ifk Malmo, Goteborg, Djurgarden (Stoccolma), Atvidaberg.

Svizzera: Young Boys (Berna), Zurigo FC, Grasshoppers (Zurigo), Basilea.

Turchia: Besiktas (Istanbul), Fenerbahce (Istanbul), Galatasaray (Istanbul).

Ucraina: Dinamo Kiev, Shakhtar Donetsk.

Ungheria: Mtk Budapest, Ferencvaros (Budapest), Ujpest Dozsa (Budapest), Vasas (Budapest), Gyor Eto Fc.

Ex stato URSS: Spartak Mosca, Dinamo Kiev, Dinamo Minsk, Dinamo Tbilisi, Ararat Erevan, Dnipro.

Ex stato Cecoslovacchia: Dukla Praga, Banik Ostrava, Sparta Praga, Hradec Kralove, Spartak Trnava.

Ex stato Germania Est: Wismut Aue Erzgebirge, Carl Zeiss Jena, Dinamo Dresda, Dinamo Berlino, FK Vorwarts Berlino.

Ex stato Jugoslavia: Stella Rossa Belgrado, Partizan Belgrado, Hajduk Spalato, Vojvodina Novi Sad.

Albo d’oro torneo

1956 Real Madrid
1957 Real Madrid
1958 Real Madrid
1959 Real Madrid
1960 Real Madrid
1961 Benfica
1962 Benfica
1963 Milan
1964 Inter
1965 Inter
1966 Real Madrid
1967 Celtic
1968 Manchester United
1969 Milan
1970 Feyenoord
1971 Ajax
1972 Ajax
1973 Ajax
1974 Bayern Monaco
1975 Bayern Monaco
1976 Bayern Monaco
1977 Liverpool
1978 Liverpool
1979 Nottingham Forest
1980 Nottingham Forest
1981 Liverpool
1982 Aston Villa
1983 Amburgo
1984 Liverpool
1985 Juventus
1986 Steaua Bucarest
1987 Porto
1988 Psv Eindhoven
1989 Milan
1990 Milan
1991 Stella Rossa
1992 Barcellona
1993 Olympique Marsiglia
1994 Milan
1995 Ajax
1996 Juventus
1997 Borussia Dortmund
1998 Real Madrid
1999 Manchester United
2000 Real Madrid
2001 Bayern Monaco
2002 Real Madrid
2003 Milan
2004 Porto
2005 Liverpool
2006 Barcellona
2007 Milan
2008 Manchester United
2009 Barcellona
2010 Inter
2011 Barcellona
2012 Chelsea
2013 Bayern Monaco
2014 Real Madrid
2015 Barcellona
2016 Real Madrid
2017 Real Madrid
2018 Real Madrid
2019 Liverpool
2020 Bayern Monaco
2021 Chelsea
2022 Real Madrid
2023 Manchester City.

Curiosità

1) Club trionfatori alla loro prima partecipazione: Real Madrid 1956, Inter 1964, Celtic 1967, Nottingham Forest 1979, Aston Villa 1982.

2) L’Eintracht Braunschweig, vincitore del campionato tedesco nel 1967, ha raggiunto una sola volta i quarti di finale di Coppa Campioni, ma, nonostante i pochi trofei in bacheca, è entrato a suo modo nella storia del calcio europeo per essere stato, nella stagione agonistica 1972-73, il primo club con uno sponsor commerciale sulla maglietta: un noto liquore.

Pagine social

Sportflash24 è presente su due noti social network (Facebook e Twitter/X) con apposite pagine dedicate. Ecco, di seguito, i link attraverso i quali si può accedere: www.facebook.com/sportflash24https://www.facebook.com/groups/1281747915292620/
(gruppo pubblico Amici di Sportflash24 con tante ultimissime e curiosità storico-sportive) e www.twitter.com/sportflash24

Quarti di finale Champions 2023-24: accoppiamenti, statistiche

**

Note Legali – Aggiornamento 15 marzo 2024

1) Tutti i diritti relativi ai contenuti di questo sito sono riservati.

2) A partire dal 15 marzo 2024, è consentita per una sola volta la riproduzione parziale di un qualsiasi nostro articolo per un massimo di 700 battute word spazi inclusi, a patto che venga citata integralmente la fonte: www.sportflash24.it o link diretto alla specifica pagina web.

3) Coloro che, a qualsiasi titolo, fossero interessati a fruire di un numero maggiore rispetto alle sovraindicate 700 battute word per ciascun articolo pubblicato su Sportflash24.it, hanno l’obbligo di contattare preventivamente “Dorapress Edizioni”, editore di questo sito, inviando una specifica Email PEC alla casella dorapress@pec.it .

4) Ai fini dello svolgimento del diritto ad una corretta informazione, alcuni contenuti presenti sulla testata giornalistica Sportflash24 possono essere stati attinti (previo citazione della fonte) da altri soggetti che operano nel settore dei mass media, della rete internet e dei social network. Se i soggetti o gli autori interessati dovessero ritenere in qualsivoglia modo lesive tali pubblicazioni, potranno segnalarlo all’indirizzo di posta elettronica certificata di “Dorapress Edizioni”, editore di Sportflash24, che provvederà prontamente alla rimozione di tali contenuti. L’indirizzo PEC di riferimento, anche in questo caso, è dorapress@pec.it .

5) Sportflash24 contiene link e collegamenti a siti Internet gestiti da terze parti. La Dorapress e Sportflash24 non gestiscono, né controllano in alcun modo le informazioni e i contenuti offerti dai siti delle suddette terze parti. Tali link e collegamenti esterni vengono inclusi a solo vantaggio dell’utente e non costituiscono approvazione ufficiale da parte di Sportflash24. L’utente si assume quindi la piena responsabilità per l’utilizzo di tali opzioni presenti in alcune delle nostre pagine.

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social