VOLLEY MASCHILE GRAND CHAMPIONS CUP 2013 Iran-Italia 3-2

La Nazionale di pallavolo in azione (Foto: http://www.cev.lu)

VOLLEY MASCHILE GRAND CHAMPIONS CUP 2013 Iran-Italia 3-2. Nella manifestazione in corso in Giappone, Azzurri battuti dalla formazione allenata da Velasco.

IL PUNTO

Rocambolesca Grand Champions Cup per l’Italia di Berruto. A Kyoto, dopo l’esordio vincente di ieri contro i campioni olimpici della Russia, oggi si registra una sconfitta al tie break contro i campioni d’Asia dell’Iran allenati dal grandissimo coach argentino Julio Velasco, colui che, come in molti ricorderanno, 23 anni fa ha portato l’Italia a vincere il 1° di 3 titoli mondiali consecutivi nella pallavolo maschile. Insomma, Julio ha colpito ancora. Ma stavolta, a farne le spese, è stata proprio la sua ex nazionale. Oggi, però, l’Italia ci ha messo del suo per favorire l’exploit degli asiatici.  Gli azzurri, nelle cui file Baranowicz e Beretta hanno iniziato al posto di Travica e Piano, non sono riusciti a dare continuità al loro gioco e hanno dato vita ad un match pieno di capovolgimenti di punteggio. Alla fine sono usciti sconfitti dal campo, perdendo di misura il confronto con una squadra che ha dimostrato grande voglia di lottare.
L’Italia ha iniziato il match con il freno a mano tirato, ha stentato a prendere il ritmo, ma poi è sembrata in grado di rimettersi subito in carreggiata. L’Iran è arrivato 23-19, è stato rimontato, ma alla fine ha vinto di misura. Secondo set tutto di marca Azzurra. Terzo parziale con l’Italia presente, ma non in grado di far suo il set, nonostante un vantaggio temporaneo di 22-18.
Nel quarto ancora Iran avanti, ma sul 2-6 Berruto ha fatto uscire Zaytsev e ha inserito Vettori. Il giovane talento Azzurro ha risposto bene e la squadra ha rimontato, piazzando un eloquente break di 7-2 sino ad arrivare sul 21-17, allorquando si nuovamente bloccata. L’Iran ha cercato di approfittarne, ma non è riuscita a portare a casa il set. Il match si è dunque deciso al tie-break, nel quale l’Italia è stata subito costretta ad inseguire, prima di cedere 15-12.
Vittoria meritata, dunque, per l’Iran. Più di qualche rimpianto, però, sul fronte azzurro soprattutto se si pensa alla poca continuità e alle occasioni non sfruttate.
A livello di singoli bene Kovar, best scorer del match con 19 punti, frutto anche di 3 ace e 3 muri. Il martello è stato bravo in ricezione 58% (33% perfetta) su ben 52 colpi. Italia molto fallosa al servizio, anche se Vettori, subentrato a Zaytsev, ha realizzato un ottimo 13 su 20.
Calato il sipario sulle partite di Kyoto, la squadra italiana ha raggiunto Tokyo, dove il torneo si concluderà con le ultime tre giornate di gara. Domani la Grand Champions Cup osserva il giorno di riposo. Si riprende venerdì (ore 4.10) con la sfida tra Italia e Stati Uniti.

RISULTATI  

19 novembre: Italia-Russia 3-1, Iran-Brasile 1-3, Giappone-Stati Uniti 1-3.

20 novembre: Italia-Iran 2-3 (24-26, 25-16, 23-25 25-23 12-15), Brasile-Stati Uniti 3-0 (31-29 25-23 25-23), Russia-Giappone 3-0 (25-16 25-17 25-18).
*

LA CLASSIFICA

Brasile 6, Italia 4, Stati Uniti e Russia 3, Iran 2, Giappone 0.
*

IL CALENDARIO CON LE RESTANTI GARE IN PROGRAMMA A TOKYO

22 novembre: ore 4.10 Stati Uniti-Italia, ore 8.10 Iran-Russia, ore 11.10 Brasile-Giappone.

23 novembre: ore 4.10 Iran-Stati Uniti, ore 8.10 Russia-Brasile, ore 11.10 Giappone-Italia.

24 novembre: ore 4.10 Brasile-Italia, ore 7.10 Stati Uniti-Russia, ore 10.10 Giappone-Iran.

*

I COMMENTI POST ITALIA-IRAN

BERRUTO: “Devo congratularmi con l’Iran. Quando giochi contro questa squadra c’è sempre da lottare. Ammiro l’atteggiamento con cui stanno in campo, cercando di dare sempre il massimo. Questa è una cosa che dobbiamo imparare a fare anche noi. Della gara di oggi ho del rammarico per due momenti: l’inizio del match, in cui ci siamo trovati in difficoltà, e il finale del terzo, quando non abbiamo sfruttato il grande vantaggio che ci eravamo costruiti”.

ZAYTSEV: “E’ stata una partita difficile. Ogni squadra ha delle avversarie con cui incontra maggiori difficoltà e soffre più del solito.  L’Iran è una squadra che ci fa soffrire. Era accaduto nella  World League e si è ripetuto oggi.  Abbiamo qualche rammarico per come sono finiti il primo e il terzo set, in cui abbiamo avuto dei buoni vantaggi, ma si è spenta la luce, un po’ come nell’avvio del tie-break. Insomma abbiamo avuto dei cali di concentrazione”.

KOVAR: “L’Iran è una squadra che gioca molto bene a pallavolo. Questo lo sappiamo perché ce lo avevano fatto vedere anche nella World League.  Magari in alcuni frangenti ci abbiamo messo del nostro e li abbiamo tirati fuori da situazioni difficili. Però, se c’è stato qualche demerito da parte nostra, c’è stato più merito da parte loro. In ogni caso, il torneo è ancora molto lungo e ci sono tante gare per far vedere cose buone”.

(Fonte: ufficio stampa Fipav)

*

Vedi anche http://www.facebook.com/sportflash24 e http://www.twitter.com/sportflash24

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social