LA SCHEDA

SPAGNA ITALIA 3-0 Cronaca 2 settembre 2017 Azioni

DIRETTA ONLINE TESTUALE MINUTO PER MINUTO SPAGNA-ITALIA 2 SETTEMBRE 2017 (7° TURNO GRUPPO G QUALIFICAZIONI EUROPEE VERSO I MONDIALI DI RUSSIA 2018)

Pre-partita e cronaca diretta online, minuto per minuto, di Spagna-Italia, gara valevole per il 7° turno delle qualificazioni europee ai campionati mondiali di calcio “Russia 2018” //  Tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla partita, nella parte centrale di questa pagina //

Pre-match Spagna-Italia / 1

L’importanza del risultato

e le possibili chiavi tattiche

Stasera, allo stadio Santiago Bernabeu di Madrid, l’Italia del commissario tecnico Gian Piero Ventura affronta in trasferta la Spagna in un match da tre punti, valevole per il girone G di qualificazione europea alla Coppa del Mondo di “Russia 2018”; raggruppamento nel quale la formazione iberica e quella azzurra dopo le prime 6 giornate sono entrambe in vetta alla classifica a quota 16, ma, in termini di differenza reti, Iniesta e compagni ci sopravanzano, in quanto hanno un +18, contro il +14 dei nostri portacolori. E ciò, tradotto in termini di regolamento Fifa per l’accesso diretto ai Mondiali del prossimo anno, sta a significare che gli spagnoli sono primi e noi secondi, almeno fino a stasera. E sì, perché pur mancando, al di fuori della gara odierna, altri 3 turni ai fini del completamento della sessione a gironi, le forze in campo sono tali per cui un po’ tutti, tra appassionati e addetti ai lavori, sono consapevoli del fatto che, se stasera l’Italia non dovesse superare la Spagna, si incamminerebbe verso gli spareggi tra le migliori 8 seconde nell’ambito dei 9 gironi europei e, pur essendo testa di serie nei sorteggi, correrebbe comunque un potenziale rischio di incontrare qualche avversaria particolarmente ostica. Questo, però, è un tema specifico che, nel caso in cui se ne dovesse verificare l’eventualità, andrebbe affrontato solo al termine della fase a gironi, prevista il 10 ottobre 2017. Tornando, invece, alla partita di stasera c’è da evidenziare che entrambe le formazioni, come del resto è normale che sia, sentono molto l’evento agonistico. Sia gli spagnoli che gli azzurri hanno effettuato, nei rispettivi centri tecnici, una settimana di preparazione e hanno giocatori con una media di due partite di campionato nelle gambe. Quindi, sotto il profilo della preparazione atletica sui ’90 minuti, entrambe non potranno essere al massimo. L’atteggiamento psicologico di ciascuna delle 2 potrebbe quindi essere elemento importantissimo ai fini della determinazione del punteggio finale. Ad ogni buon conto, va anche evidenziato che i calciatori più brillanti in questa vigilia sembrano essere Morata e Asensio sul fronte dei padroni di casa e Insigne, Immobile e Belotti in ambito azzurro.
La partita in sé, data la posta in palio, potrebbe assumere ‘facce diverse’ a seconda dei momenti e del modo in cui una delle due potrebbe reagire ad una situazione negativa. Riteniamo, infatti, poco probabile la rappresentazione di un cosiddetto ‘match a senso unico’. Resta però il fatto che all’Italia, che ha bisogno di vincere per allontanare l’ipotesi degli spareggi autunnali, spetterà la prima mossa. Secondo indiscrezioni, il CT Ventura sembrerebbe orientato verso uno schieramento di partenza con al suo interno molti giocatori dalle spiccate caratteristiche offensive, ma la certezza di questo la si avrà solo quando verranno comunicate le formazioni ufficiali. Poi, una volta in campo, gli azzurri non potranno permettersi il lusso di restare lunghi nelle distanze tra i reparti. E ciò indipendentemente dal sistema di gioco con cui inizieranno la partita e che, tra l’altro, potrebbe cambiare in funzione dell’evolversi della sfida. Tanto per fare un esempio, si potrebbe anche partire aggressivi con un 4-2-4, ma, una volta andati in vantaggio, bisognerà capire se i giocatori di Ventura avranno forza sufficiente per gestire i rimanenti minuti usando questo stesso modulo o se, per motivi tattici, decideranno di restare con una linea difensiva a 4 facendo però scalare a centrocampo gli esterni (per ipotesi Insigne e Candreva) in modo da predisporsi con un compatto 4-4-2 o, invece, passeranno a 3 in difesa, rinforzando il centrocampo e abbassando leggermente il baricentro nel tentativo di sfruttare le loro qualità in ripartenza. Insomma, un 4-2-4 iniziale che, all’occorrenza, si trasformerebbe in un 3-4-1-2, in un 3-5-2, in un 3-6-1 o in un 4-4-2 potrebbe essere una utile mossa per raggiungere l’obiettivo finale. Le varianti di una partita di calcio, però, sono molteplici e, quindi, sarà l’evolversi della gara che ci farà capire quale grado di maturità avrà raggiunto un’Italia che stasera, contro i maestri del possesso palla e delle ‘imbucate’ fulminee in area di rigore avversaria, si giocherà un pezzo importante del suo percorso in ottica “Mondiali 2018”.  Riteniamo, infatti, che, indipendentemente dal fatto che la Spagna possa schierarsi con un 4-3-3 o con un 4-1-4-1, il loro credo calcistico non sarà snaturato. E di certo si assisterà ad una contesa ad altissima intensità tecnica, tattica ed emotiva. Forse a livello agonistico ci potrebbero essere alcuni momenti caratterizzati da ritmi un po’ più bassi, ma ciò sarebbe normale, in considerazione che siamo solo all’inizio della stagione 2017-18. Luigi Gallucci 

Pre-match Spagna-Italia / 2

Ore 20.45, calcio d’inizio al Bernabeu: un appuntamento

con la storia, 35 anni dopo l’11 luglio 1982    

Naturalmente, tutti noi sappiamo che quando l’Italia entrerà in campo al Bernabeu non sarà un momento qualunque. Quello di stasera per la Nazionale sarà, infatti, uno storico ritorno su un terreno di gioco che 35 anni fa ha esaltato le gesta calcistiche azzurre al massimo grado. Era l’ 11 luglio 1982. Ma, per approfondire al meglio questo specifico tema e per leggere anche tanti altri dati sulla partita di stasera, clicca sul 1° link che segue qui sotto e leggi lo Speciale da noi realizzato in collaborazione con Roberto Beccantini e Alberto Cerruti, due inviati de “La Gazzetta dello Sport” presenti in tribuna stampa a Madrid in occasione della conquista del 3° dei 4 titoli mondiali dell’Italia. >>   http://www.sportflash24.it/speciale-calcio-11-luglio-1982-11-luglio-2017-aspettando-184993

Intanto, in attesa del fischio d’inizio, previsto per le ore 20.45, ecco, di seguito, la situazione di classifica nel gruppo G e i calciatori convocati. Per leggere, invece, tutte le dichiarazioni della vigilia, fornite da alcuni dei sicuri protagonisti della sfida di stasera, clicca sul seguente link >> http://www.sportflash24.it/spagna-italia-minuto-per-minuto-live-2-settembre-2017-189193

Qualificazioni Mondiali Russia 2018 zona Europa Gruppo G

Classifica dopo 6 turni: Spagna 16, Italia 16, Israele 9, Albania 9, Macedonia 3, Liechtenstein 0. Differenza reti: Spagna + 18 (21 gol fatti, 3 subiti); Italia + 14 (18 f, 4 s).

Prossimo programma degli Azzurri:

2 settembre 2017, Spagna – Italia

5 settembre 2017, Italia – Israele

6 ottobre 2017, Italia – Macedonia

9 ottobre 2017, Albania – Italia

Convocati

Spagna: De Gea (Manchester United), Reina (Napoli), Kepa (Athletic Bilbao), Azpilicueta (Chelsea), Pique (Barcellona), Bartrà (Borussia Dortmund), Carvajal (Real Madrid), Sergio Ramos (Real Madrid), Jordi Alba (Barcellona), Nacho Fernandez Iglesias (Real Madrid) e Ignacio Monreal Eraso (Arsenal), Iniesta (Barcellona), Thiago Alcantara (Bayern Monaco), Koke (Atletico Madrid), Isco (Real Madrid), Busquets (Barcellona), Asensio (Real Madrid), Saul Niguez (Atletico Madrid), Vitolo (Las Palmas) e Suso (Milan), David Villa (New York City), Deulofeu (Barcellona), Iago Aspas (Celta Vigo), Pedro (Chelsea), Morata (Chelsea) e David Silva (Manchester City).

Italia: Gianluigi Buffon (Juventus), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Genoa), Davide Astori (Fiorentina), Andrea Barzagli (Juventus), Leonardo Bonucci (Milan), Giorgio Chiellini* (Juventus), Andrea Conti (Milan), Danilo D’Ambrosio (Inter), Matteo Darmian (Manchester United), Daniele Rugani (Juventus), Leonardo Spinazzola (Atalanta), Daniele De Rossi (Roma), Riccardo Montolivo (Milan), Marco Parolo (Lazio), Lorenzo Pellegrini (Roma), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Federico Bernardeschi (Juventus), Antonio Candreva (Inter), Stephan El Shaarawy (Roma), Lorenzo Insigne (Napoli), Andrea Belotti (Torino), Eder Citadin Martins (Inter), Manolo Gabbiadini (Southampton), Ciro Immobile (Lazio).

(*) infortunatosi in allenamento a Coverciano venerdì 1 settembre, non è partito per Madrid insieme ai compagni.

LA PARTITA IN DIRETTA ONLINE TESTUALE

Nota  Live Scores: per visualizzare i nostri aggiornamenti testuali in tempo reale, premere il tasto unico F5 del pc o attivare qualsiasi altra funzione di aggiornamento pagina.

Il tabellino

Risultato finale Spagna-Italia 3-0

Marcatori: 13′ e 40′ pt Isco (S), 32′ st Morata (S)

Formazioni ufficiali

Spagna (4-3-3): De Gea; Carvajal, Sergio Ramos, Piqué, Jordi Alba; Koke, Sergi Busquets, Iniesta (dal 27′ st Morata); David Silva, Asensio (dal 34′ st Saul Niguez), Isco (dal 44′ st David Villa)

Allenatore: Julen Lopetegui.

Italia (4-2-4): Buffon; Darmian, Barzagli, Bonucci, Spinazzola; De Rossi, Verratti; Candreva (dal 25′ st Bernardeschi), Immobile (dal 32′ st Gabbiadini), Belotti (dal 25′ st Eder), Insigne.

Allenatore: Gian Piero Ventura

Designazioni arbitrali: direttore di gara Bjorn Kuipers (Olanda), coadiuvato dai guardalinee Van Roekel e Zeinstra. Quarto uomo Van Boekel.

Ammoniti: 4′ pt Verratti (I), 12′ pt Bonucci (I)

Espulsi: nessuno

Recuperi: 0′ pt, 2′ st

SPAGNA ITALIA Cronaca 2 settembre 2017 Tempo Reale 

Primo tempo

Ore 20.45, fischia Kuipers, Allo stadio Bernabeu inizia Spagna-Italia.

1′ – Nel 1° tempo la Spagna attacca da sinistra verso destra rispetto alla visuale della tribuna stampa.

2′ – Verticalizzazione di De Rossi per Belotti, ma il lancio è mal calibrato e De Gea blocca la sfera.

4′ – Fase di possesso palla insistito della Spagna a centrocampo.

4′  - Verratti (I) vammonito per fallo su Busquets.

5′ – L’Italia esce bene da una fase di pressing alto della Spagna e Candreva va in affondo sulla zona destra dell’area di rigore spagnola, ma non c’è nessun suo compagno ad assisterlo e l’azione sfuma.

6′ – Giro palla della Spagna a centrocampo, ma gli azzurri sono compatti.

7′ – Assist di David Silva per Koke e De Rossi ferma con un fallo il mediano dell’Atletico. Punizione dai 20 mt per gli iberici.

8′ – Sergio Ramos batte la punizione a giro: palla di poco alta sulla traversa.

9′ – Insigne tenta un affondo sulla sinistra, inseguito da Carvajal, che chiude in fallo laterale.

10′ – Azzurri sempre in possesso palla in fase d’ attacco e lancio ottimo di De Rossi per Candreva, il quale va al cross dalla destra per Belotti, ma Sergio Ramos è attento e allontana la palla di testa dalla propria area di rigore.

11′-  Carvajal spinge sulla destra, ma viene fermato dagli azzurri.

12′ – Fallo tattico di Bonucci ai 25 mt su Asensio, a seguito del passaggio filtrante rasoterra di Iniesta.

12′ – Ammonito Bonucci (I)

13′ – GOOOL. Spagna in vantaggio. Punizione a giro di Isco dalla lunetta e pallone che s’infila alla destra di Buffon dopo aver scavalcato la barriera italiana. 

15′ – L’Italia fa fatica ad imbastire una reazione.

18′ – Darmian trova un varco sulla destra e va al cross in area di rigore avversaria, ma nessun azzurro riesce a raggiungere il pallone.

20′-  Giro palla della Spagna, che ora cerca di rallentare i ritmi, in virtù del risultato favorevole.

21′ – Isco tenta un affondo sulla zona sinistra, ma Darmian lo ferma.

22′  - Prima occasione da gol per l’Italia. Darmian, dalla trequarti destra, crossa in area di rigore avversaria per Belotti, il cui colpo di testa costringe De Gea ad una respinta molto impegnativa.

23′ – Sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dall’Italia dalla trequarti destra, ottimo intervento di testa da parte di Sergio Ramos, il quale allontana la sfera dalla propria area di rigore, anticipando De Rossi. 

26′ – Sugli sviluppi di un corner da destra a favore della Spagna, Koke crossa dalla destra e Pique colpisce di testa in area di rigore azzurra: palla di poco alta. 

28′ – Insigne conquista un pallone sulla trequarti avversarie e serve Candreva, il cui cross dalla destra per Immobile non viene raccolto dalla punta azzurra.

29 – Da qualche minuto l’Italia sembra giocarsela con maggiore determinazione in fase offensiva rispetto ai primi 20 minuti, decisamente poco convincenti.

31′ – Bonucci verticalizza per Belotti, ma l’arbitro fischia un fuorigioco molto dubbio…proprio mentre l’azzurro proava ad arrivare nei pressi dell’area di rigore avversaria.

33′ – Lancio di Verratti per Insigne, ma il pallone è mal calibrato.

35′ – Fermato per netto fuorigioco David Silva.

37′ – Errore in fase di impostazione da parte di Spinazzola e Carvajal s’inserisce sulla zona destra dell’area di rigore azzurra: conclusione in diagonale e palla deviata in corner dalla difesa italiana.

38′ – Nulla di fatto sugli sviluppi del calcio d’angolo da sinistra a favore della Spagna.

40′ – GOOOL. Raddoppio della Spagna. Su una fase di possesso palla degli iberici, Iniesta serve ai 25 mt Isco, il quale elude con eleganza Verratti e piazza un tiro rasoterra dalla lunetta: palla nell’angolo basso alla sinistra di Buffon. 

42′ – Giro palla della Spagna, che ora gestisce il possesso in modo stucchevole.

44′ – Cross da destra di Candreva e facile controllo del pallone da parte della difesa spagnola.

45′ – Fischia Kuipers. Squadre al riposo. Spagna meritatamente in vantaggio per 2-0 sull’Italia al termine del 1° tempo. Per ora decide una doppietta di Isco. Azzurri poco coesi nello spezzare la manovra avversaria in zona mediana e scarsamente concreti in attacco. Il resto lo fa il trequartista del Real, che mette a segno due reti da manuale.

Secondo tempo

Ore 21.47, fischia Kuipers, Allo stadio Bernabeu riprende Spagna-Italia.

1′ – Nel 2° tempo l’Italia attacca da sinistra verso destra rispetto alla visuale della tribuna stampa.

3′ – Spagna subito aggressiva in avvio di secondo tempo.

4′ – Contropiede di Immobile sulla sinistra e palla ai 16 mt per l’accorrente Insigne, il quale va al tiro di prima: respinta di De Gea e successiva conclusione fuori dallo specchio della porta da parte di Candreva dal limite. 

5′ – Immobile prova una giocata in acrobazia, ma è in fuorigioco nei 16 mt avversari.

7′ - Possesso palla dell’Italia nella metà campo della Spagna e Candreva, da destra, crossa in modo insidioso nei 16 mt avversari, ma Koke spazza via la sfera in corner.

8′ – Sugli sviluppi del calcio d’angolo da destra a favore dell’Italia, Belotti colpisce di testa in area di rigore avversaria: palla di poco alta.

10′ – Asensio ci prova dai 25 mt: palla a lato.

12′ – La Spagna ora accenna ad un pressing alto, ma l’Italia riesce a non perdere il pallone

14′ – L’Italia prova ad impostare e Candreva conquista una punizione sulla trequarti avversaria.

15′ – La Spagna riconquista facilmente palla e riprende la sua fitta rete di passaggi.

16′ – Darmian riesce ad opporsi col corpo ad un tiro di David Silva scoccato dalla zona sinistra dell’area di rigore azzurra.

17′ – Koke va in affondo e tira da fuori area: palla a lato.

18′ – Darmian, tra i più volitivi della formazione azzurra, crossa in area avversaria dalla trequarti destra, ma Belotti non tira, preferendo un improbabile tocco a seguire per Immobile. Sfuma, dunque, l’azione.

20′ – Probabile un doppio cambio nell’Italia.

23′ – Isco piazza un tunnel su Verratti e serve Carvajal, il quale s’inserisce con i temi giusti sulla zona destra dell’area di rigore azzurra, ma Buffon esce con tempismo e riesce a respingere ottimamente il tiro del terzino del Real.

25′ – Doppio cambio nell’Italia. Escono Belotti e Candreva ed entrano Eder e Bernardeschi.

27′ – Sostituzione nella Spagna. Esce Iniesta ed entra Morata.

29 – Isco verticalizza ottimamente per Morata, ma Barzagli ci mette l’esperienza e ferma la punta avversaria.

31′ – Ventura potrebbe effettuare tra breve un 3° cambio.

32′ – GOOOL. Terza rete della Spagna. Ripartenza micidiale sull’asse Ramos-Morata e rete dell’ex juventino su assist da destra del capitano del Real.

33′ – Cambio nell’Italia. Esce Immobile ed entra Gabbiadini.

34′ – Cambio nella Spagna. Esce Asensio ed entra Saul Niguez

36′ – Spinazzola ha un problema fisico. Gioco fermo per qualche minuto.

37′ – Si rialza Spinazzola.

40′ – La Spagna gestisce al meglio questi ultimi minuti.

43′ – Staffilata di Insigne dai 25 mt e parata di De Gea.

43′ – Annullato per nettissimo fuorigioco un gol a Morata.

44′ – Cambio nella Spagna. Esce Isco ed entra David Villa.

45′ – Kuipers assegna 2 minuti di recupero.

47′ – Assist di Verratti per Gabbiadini, il quale va al tiro dalla zona destra dell’area di rigore avversaria, ma De Gea respinge.

47′ – Triplice fischio di Kuipers. Al Bernabeu la Spagna mette ko l’Italia. Azzurri battuti per 3-0. Nelle altre due gare del girone G, giocate stasera nell’ambito del 7° turno delle qualificazioni europee ai Mondiali di Russia 2018, l’Albania sconfigge in casa propria il Liechtenstein per 2-0, mentre la Macedonia supera in trasferta per 1-0 Israele. Questa la classifica del gruppo G dopo 7 turni: Spagna 19 punti (24 gol fatti, 3 subiti), Italia 16 (18 reti fatte, 7 subite), Albania 12, Israele 9, Macedonia 6, Liechtenstein 0.

Commento finale

Amarissimo ritorno dell’Italia al Bernabeu, 35 anni dopo la vittoria contro la Germania nella finale della Coppa del Mondo 1982. Stavolta gli avversari sono le Furie Rosse, che, davanti al loro pubblico, tengono tantissimo ad esprimersi al meglio e ad evitare la sconfitta per non rischiare complicazioni nell’ ottica della qualificazione ai Mondiali. Al triplice fischio di Kuipers gli iberici mettono ko la nostra nazionale con una tripletta e centrano in pieno l’obiettivo, mantenendo con merito la leadership del girone G. Com’è ormai noto ad appassionati e addetti ai lavori, la vittoria nel raggruppamento permette l’accesso diretto alla prossima Fifa World Cup e, quando mancano 3 turni alla fine della sessione, nel nostro girone sono i campioni del Mondo del 2010 i favoritissimi per il pass-verso Russia 2018. Agli Azzurri, secondi, non resta che mantenere la massima lucidità nelle prossime gare e chiudere al 2° posto, piazzamento che dà diritto ad accedere agli spareggi autunnali.

Del resto, il campo stasera fornisce, sin dall’inizio, elementi di valutazione piuttosto preoccupanti. Per tentare di fermare le trame avversarie, l’Italia rimedia due ammonizioni in 12 minuti. E, non a caso, proprio a seguito del fallo di Bonucci su Asensio, azione che genera il 2° cartellino giallo, s’innesca la punizione trasformata dal talentuoso Isco.  Sotto di 1-0 e contro una squadra che evidenzia giocate di classe e padronanza in tutti i settori, gli azzurri provano qualche sortita offensiva nella parte centrale del 1° tempo, ma De Gea viene messo realmente in difficoltà solo con una verticalizzazione sull’asse Darmian-Belotti. Poco dopo, però, la Spagna torna a manovrare nella metà campo azzurra e Isco raddoppia al termine di un’azione insistita, conclusa in modo sontuoso dal beniamino del Real. Tra l’altro, oltre a qualche buon segnale proveniente dalla catena di destra Darmian-Candreva, il nostro 4-2-4 va spesso in sofferenza. A centrocampo, infatti, De Rossi e Verratti non sono in grado di arginare a dovere i fraseggi stretti orchestrati da Iniesta, Busquets e Isco. Inoltre, sulla fascia sinistra Spinazzola e Insigne non riescono ad intendersi e, da quel lato, Carvajal ne approfitta per far sentire la sua presenza costante. In una situazione tattica di questo tipo, anche le punte, alle prese con due centrali dello spessore di Pique e Ramos, hanno poche opportunità per mettersi in evidenza. Del resto, va anche aggiunto che i cosiddetti ‘rifornimenti’ dalle retrovie arrivano con poca frequenza. Nel complesso, Italia surclassata sul piano del talento, della freschezza atletica e della gestione delle varie fasi del match. E lo stesso modo in cui nel finale viene subito il 3° gol (contropiede avversario con 5 azzurri a rincorrere male Ramos e Morata) evidenzia una netta mancanza di lucidità.

Ad ogni buon conto, sul percorso verso i Mondiali di Russia 2018, che da stasera per l’Italia si fa aritmeticamente più complicato, giunge una battuta d’arresto rispetto alla quale è opportuno riflettere rapidamente per migliorare gli equilibri tecnico-tattici della squadra, in vista dei prossimi impegni, il primo dei quali è in calendario martedì 5 settembre contro Israele al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Lu.Ga.

-

Pagine social

Sportflash24.it è presente su due noti social network (Facebook e Twitter) con apposite pagine dedicate. Ecco, di seguito, i link attraverso i quali si può accedere.

www.facebook.com/sportflash24 e  www.twitter.com/sportflash24

SPAGNA ITALIA 3-0 Cronaca 2 settembre 2017 Azioni

SPAGNA ITALIA Cronaca 2 settembre 2017 Minuto

per Minuto Tempo Reale. Diretta online azioni partita valevole per il 7° turno di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Aggiornamenti dalle ore 20 di stasera / Analisti tattica, probabili formazioni e calciatori convocati

DIRETTA ONLINE TESTUALE MINUTO PER MINUTO SPAGNA-ITALIA 2 SETTEMBRE  2017 (7° TURNO GRUPPO G QUALIFICAZIONI EUROPEE VERSO I MONDIALI DI RUSSIA 2018)

facebooktwittergoogle_pluspinterest

Commenti Social